Scontri tra tifosi a Roma, Marchetti scrive a Renzi: “Daspo a vita? Serve tolleranza zero”

“L’Italia non può più sopportare di essere ostaggio di criminali incalliti che in ogni settore della vita sociale spadroneggiano”. Sono parole che il sindaco di Altopascio Maurizio Marchetti che sabato sera si trovava allo stadio Olimpico di Roma per la partita Fiorentina-Napoli scrive al presidente del consiglio Matteo Renzi, chiedendo tolleranza zero contro i criminali. “Tralascio – sottolinea il sindaco di Altopascio – il disagio provato, il fatto che nessuna comunicazione sia stata data nei minuti in cui sarebbe dovuta iniziare la gara, mentre si vedeva il capitano del Napoli andare a parlare con i capi ultrà. Il motivo per cui Le scrivo è che l’Italia non può più sopportare di essere ostaggio di criminali incalliti che in ogni settore della vita sociale spadroneggiano. Accade allo stadio ma anche in altri settori. Basta leggere le cronache. Personaggi pluripregiudicati che non solo non si redimono, ma raffinano le tecniche di offesa alle cose e alle persone”.

“Ho sentito invocare il Daspo a vita – aggiunge Marchetti -. Questa, secondo me, è una misura valida per chi usa tirare le banane ai giocatori di colore, ma non per criminali che usano il calcio come pretesto per fare confusione o, peggio, compiere atti terribili. Proprio quello che è successo sabato è la riprova di quello che dico: i fatti sono avvenuti a chilometri dallo stadio, quindi in un certo senso con la partita non avevano nulla a che vedere. Se a un delinquente di questi gli dai solo il Daspo a vita, continuerà a fare confusione a chilometri dallo stadio. Allora la medicina è una vera tolleranza zero. Per i delinquenti da stadio, che non sono poi migliaia, ci vogliono pene severissime e carcere duro. Lo stesso per tutti gli altri criminali abituali. Solo così l’Italia potrà dirsi libera dalla morsa di persone che hanno il solo scopo di creare confusione e seminare terrore. Lo Stato non può essere complice o assistere passivamente. In altre nazioni hanno usato con successo il pugno di ferro. Facciamolo anche noi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.