Rivoluzione al Rugby Lucca: obiettivo vincere tutto

Se non si tratta di una vera e propria rivoluzione copernicana poco ci manca. Questo è il clima che si respira in casa Rugby Lucca in vista della nuova stagione, iniziata da pochi giorni con la ripresa degli allenamenti all’Acquedotto.
Moltissime sono le novità e le iniziative che una società biancorossa profondamente rinnovata, sia nella dirigenza che nello staff tecnico, stanno mettendo in cantiere in queste prime settimane di lavoro. Ma andiamo con ordine.
Come era già stato annunciato nelle scorse settimane, la società ha completamente rinnovato lo staff dirigenziale. Il nuovo presidente, Andrea Urso (già vice presidente nella vecchia gestione), si avvarrà della collaborazione di sei consiglieri, cinque dei quali sono a pieno titolo giocatori della prima squadra. Una scelta fortemente voluta dal presidente che potrà così avvalersi dell’esperienza ormai più che decennale di questi elementi nell’ambito della palla ovale. Una dimostrazione evidente di quanto questi ragazzi tengano alla società che li ha fatti nascere e crescere, sportivamente parlando. Questa forma di “autogestione” fa del Rugby Lucca un “unicum” a livello nazionale.

Ghiotte novità anche per quanto riguarda lo staff tecnico. Dopo quasi una decade, la poltrona di direttore tecnico cambia proprietario: a Valter Nutini succede infatti l’ex capitano Matteo Giovannico. Il suo, probabilmente, sarà il compito più delicato perché dovrà cercare di apportare le proprie idee senza disperdere quanto di buono fatto dal suo predecessore che aveva trasformato un gruppo di “dilettanti allo sbaraglio” in una squadra vera con una identità di gioco ben definita e molto spettacolare. Giovannico, inoltre, potrà contare sul supporto di Marco Montefalcone come preparatore atletico e di Andrea Lombardi come tecnico della mischia. La società rossonera non si nasconde: l’obiettivo è puntare alla vittoria in tutti i vari campionati a cui prende parte.
Rinnovati anche gli staff del settore giovanile con Marco Montefalcone che seguirà la formazione Under 18, Pasquale Luiso all’under 16 e Matteo Pippi al settore propaganda. In particolare, le formazioni under 18 e under 16, squadre ormai ben strutturate, giocheranno per vincere i loro rispettivi campionati: l’Under 18 potrà contare su un gruppo numeroso (la rosa troppo corta fu il vero e proprio tallone d’Achille della scorsa stagione) grazie ad un accordo stretto con il Cus Pisa che ha ceduto in prestito ben 13 giocatori. Mentre la formazione under 16, che conta ben 10 elementi nella rappresentativa regionale di categoria, confida di continuare la striscia di risultati positivi con cui ha chiuso la passata stagione.
Altra novità importante che la stagione 2015-2016 porta in dote è la nascita della squadra femminile. Le ragazze, guidate da Matteo Fanucchi e dal capitano Susanna Nicoletti si allenano all’Acquedotto già da alcuni mesi e da questa stagione prenderanno parte al campionato regionale seven. Un altro piccolo fiore all’occhiello per Lucca: non sono molte infatti le società a livello nazionale in grado di allestire anche una formazione femminile. La speranza (e i presupposti ci sono tutti) è che anche questo settore si espanda rapidamente così come avvenuto per gli uomini.
Ma la novità più importante è certamente il Memorial Bernardo Romei. Annunciato alla stampa nei giorni scorsi, questo evento, voluto fortemente dal nuovo consiglio direttivo, ha la finalità di ricordare uno dei padri del Rugby Lucca, prematuramente scomparso a soli 25 anni. Ma non solo, perché gli incassi derivanti da questa manifestazione serviranno ad acquistare un defibrillatore ed a permettere ad alcuni ragazzi disagiati (come quelli del Villaggio del Fanciullo) di fare sport in maniera completamente gratuita.
Al torneo, che vede il patrocinio di Fondazione Lucchesi nel Mondo, Fondazione Banca del Monte di Lucca, Comune di Lucca e Federazione Italiana Rugby prenderanno parte le formazioni under 18 di Lucca, Valdinievole e Lunigiana. A premiare la squadra vincitrice sarà Claudia Romei, sorella di Bernardo, da sempre prima tifosa e, da questa stagione, presidente onorario del Rugby Lucca.
Questo vuole rappresentare solo un primo passo di una manifestazione che, si spera, possa diventare sempre più importante negli anni e una tradizione del Settembre Lucchese.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.