Alessandria, nessun successo in trasferta in questa stagione

E’ l’autentica delusione del campionato. L’orso grigio è stato costruito per arrivare alla serie B, quell’obiettivo gettato alle ortiche nello scorso campionato nella stagione regolare con un vantaggio considerevole sulla Cremonese e ai playoff con la finalissima persa con il Parma per 2-0. Le direttive imposte dal presidente Luca Di Masi al direttore sportivo Pasquale Sensibile sono state limpide: arrivare alla Serie B dalla quale l’Alessandria manca dalla stagione 1974-75.

Allenatore
Alla guida dei grigi è stato chiamato Cristian Stellini, il tecnico di Cuggiano nel milanese lo scorso anno era alla guida della Primavera del Genoa. Ex calciatore di Novara, Spal, Ternana, Como, Modena, Genoa e Bari ha intrapreso la carriera da allenatore come assistente di Antonio Conte al Siena e alla Juventus, carica ricoperta fino alla stagione 2011-12, è esordiente in Lega Pro.

Squadra
Non è stata stravolta una squadra la cui caratura è da primissime posizioni. Sono stati aggiunti elementi con trascorsi in serie A, come il portiere Michael Agazzi lo scorso anno al Cesena in passato al Cagliari al Chievo e con due convocazione nella nazionale di Prandelli nel 2013 e nel 2014. Lo stesso vale per Alessandro Gazzi reduce dalla stagione in Serie A con il Palermo con trascorsi nel massimo campionato con Torino e Siena. In porta è stato prelevato dalla Roma il portiere rumeno Ionut Pop lo scorso anno alla Fidelis Andria. Sempre dal sodalizio giallorosso arriva il difensore argentino Tiago Casasola nella passata stagione al Trapani, in difesa i volti nuovi sono Matteo Fissore ex Como, Andrea Pastore dalla Virtus Francavilla, Giacomo Sciacca di proprietà dell’Inter nello scorso campionato al Piacenza, dal Lecce arrivano il difensore Antonio Goisa e l’attaccante Michele Marconi. A metà campo oltre a Gazzi arriva dall’Atalanta nella passata stagione al Cosenza Roberto Ranieri, dalla Primavera del Torino arriva Matteo Rossetti e dal Vicenza i grigi si sono assicurati Nicola Bellomo. In avanti dalla Robur Siena è arrivato Cristian Bunino e dal Lumezzane Simone Russini.

Cammino
L’Alessandria divide il quart’ultimo posto con Pontedera e Cuneo squadre che nutrono ben altre ambizioni rispetto ai piemontesi. Il successo secco sull’Olbia 4-0 di giovedì 9 novembre fa apparire meno grigio il clima intorno alla squadra di Stellini, chiamata a confermarsi già dalla sfida di Lucca.

Cifre
12 punti in classifica. Quando ha giocato in casa il segno X non è mai uscito, Livorno, Arezzo e Pisa hanno portato via i tre punti, Prato e Olbia sono state superate. Il segno X è stato dominante fino al posticipo televisivo di lunedì 6 novembre a Carrara dove i grigi hanno interrotto l’ imbattibilità esterna frutto di 6 pareggi consecutivi, perdendo per 2-1. A Pontedera, in casa del Pro Piacenza e a Monza ha pareggiato per 1-1, rincorrendo sempre il risultato. Nei pareggi di Siena e Olbia ha mantenuto la propria porta inviolata, l’unico pareggio per 2-2 a Gorgonzola. In quest’ultima gara e in quella di Carrara l’Alessandria si è portata in vantaggio per prima. Nelle complessive 7 trasferte solo al Garilli di Piacenza con la Pro è arrivata in svantaggio al’intervallo, nelle complessive 6 trasferte tre volte ha chiuso per 0-0 e altrettante per 1-1 dopo i primi 45’. Capocannoniere della squadra è Gonzalez con 4 reti, con 3 gol troviamo Marconi, 2 centri per Casasola, Sciacca e Fiuschnaller con una realizzazione ciascuno. Ha usufruito di 4 rigori fallendone la metà, si è vista fischiarne uno a sfavore. Il tecnico Stellini è stato allontanato per 2 volte dalla panchina, tra i giocatori l’unico rosso lo ha rimediato il 4 ottobre Micco a Monza. L’ultima affermazione esterna dei grigi era arrivata il 4 aprile 2017 a Carrara contro i marmiferi che si sono presi la rivincita infliggendogli la prima sconfitta esterna stagionale.

Arbitro
Direzione dell’incontro affidata a Stefano Lorenzin di Castelfranco Veneto con l’avvallo degli assistenti Alberto Zampese di Bassano del Grappa e Federico Polo-Grillo di Pordenone. Il fischietto veneto è al suo secondo anno in Can Pro, non ha mai diretto le due formazioni, in questo girone ha arbitrato alla prima di campionato Arezzo-Arzachena con successo sardo per 3-2.

Precedenti
Quelle della passata stagione furono due sconfitte di rigore per la Lucchese. L’Alessandria lo scorso hanno violò il Porta Elisa l’11 settembre 2016 con una rete di Gonzalez su calcio di rigore intorno al quarto d’ora della ripresa. Una massima punizione venne decretato anche ai rossoneri, ma Vannucchi in due tempi annullò il tentativo di trasformazione di Forte a 18 minuti dal termine. Grigi che anche nel match di ritorno vinsero per 2-1 in rimonta dopo il vantaggio di De Feo, con doppietta sempre del bomber argentino nella ripresa. Era il 22 gennaio 2017 il secondo centro cos’ come all’andata avvenne dal dischetto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.