A Ivano Fanini (Amore&Vita) il premio fedeltà al ciclismo foto

Il premio Fedeltà al ciclismo è stato assegnato, nell’ambito dell’evento Coraggio e Avanti, ad Ivano Fanini patron di Amore & Vita – Prodir, il team più longevo del mondo tra tutti quelli in attività. “Questo riconoscimento mi lusinga molto – commenta il patron di Amore & Vita Prodir, Ivano Fanini – se penso ai miei personali 50 anni di storia ciclistica con squadre di tutte le categorie ed ai 33 anni consecutivi passati in ambito professionistico, contornati da più di 7000 vittorie tra cui spiccano 12 mondiali, 69 titoli nazionali, tappe al Giro d’Italia e Vuelta, mi viene un po’ di malinconia, soprattutto perché la storia dei teams Fanini parte già da prima che venissi al mondo”.

“Dal 1948- prosegue Fanini – con mio padre Lorenzo che è stato l’iniziatore ed il fondatore di tutto. Un maestro dal quale io ed i miei fratelli abbiamo imparato tutto ed è grazie ai suoi insegnamenti che ancora oggi dopo oltre mezzo secolo siamo ancora tutti qua, ognuno con le sue attività ma tutti sempre e comunque legati a questo sport meraviglioso, chi in ambito maschile e chi in quello femminile. Per me ricevere questo premio, in occasione di un evento così prestigioso come Coraggio e Avanti, giunto alla 14esimo edizione e dove nell’occasione sono stati premiati tanti futuri campioni ed ex campioni ma anche personaggi come Paolo Slongo, ds e preparatore di Vincenzo Nibali, è davvero un grandissimo onore. Poi, riceverlo qui a Firenze, a Centro Spirituale della Federciclismo, a S. Lucia alla Castellina, dove una volta era di casa una delle formazioni più storiche in assoluto come la Filotex ed ora è sede del museo di questa squadra eccezionale, rende tutto ancora più speciale. Quando correvo da ragazzino ed avevo 13 o 14 anni il mio idolo sportivo era Franco Bitossi, mentre il mio idolo personale era proprio il suo patron Edo Gelli. Gelli è stato indubbiamente la mia principale fonte di ispirazione a livello professionale. Tant’è vero che il mio carissimo amico Piero Pieroni, anch’egli premiato con il premio Fedeltà alla Filotex, che all’epoca faceva il massaggiatore proprio alla Filotex, contribuì a farmi appassionare così tanto al professionismo che dopo qualche anno decisi di fondare la mia prima squadra professionistica con proprio Pieroni alla direzione tecnica insieme a Gino Bartali. Pertanto, essere qui a ricevere il premio proprio dalle mani dei figli del mitico patron Edo Gelli, ovvero Giacinto, principale organizzatore del premio, e Padre Agostino, insieme agli altri padri Carmelitani, mi riempie di gioia e soddisfazione. Inoltre, a festeggiarmi c’erano anche la vedova del grandissimo campione Gastone Nencini e sua figlia, tra l’altro i due figli Saul e Lapo hanno corso con le mie squadre nella categoria dilettanti, e tutto ciò rende ancor più speciale questo momento che per me rimarrà indimenticabile. Adesso non mi resta che augurare a mio figlio di continuare su questa strada e ottenere le gioie immense che negli anni ho avuto io. La strada per adesso è quella giusta, visto nel 2017, siamo riusciti a vincere due prove della Coppa Italia (e siamo stati gli unici quest’anno ad aver vinto in Italia tra tutte le Continentale Professional italiane) e ora, con i nuovi sponsor Prodir e Premec, contiamo di migliorarci tantissimo, crescere sempre più forti e tornare molto presto al Giro d’Italia”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.