Tenta di colpire arbitro, stop 10 mesi a giovanissimo

Mentre il Tau Calcio esulta per la convocazione dei suoi rappresentanti al Torneo delle Regioni un episodio rischia di rappresentare una macchina per la stagione della società, oltre ad avere ripercussioni sulla classifica della Coppa Disciplina. Nell’ultimo bollettino ufficiale del Comitato Regionale Toscano della Lega Nazionale Dilettanti, infatti, fra le fila della società amaranto è arrivata una maxisqualifica, fino al 22 gennaio del 2019, quindi per dieci mesi, a un calciatore dei giovanissimi regionali. Questa la motivazione sulla base del referto dell’arbitro del referto di gara della partita interna contro l’Aquila Montevarchi: “Correva verso il direttore di gara – si legge nella motivazione – tentando di colpirlo con un pugno. Condotta posta in essere grazie allla pronta reazione dell’arbitro che si spostava. Uscendo dal terreno di gioco prendeva a calci porte e sedie degli spogliatoi provocando danni”.
Il Tau Calcio ha annunciato ricorso contro la decisione. La ricostruzione della società è tutta diversa: “Faremo sicuramente ricorso – commenta il direttore sportivo del Tau Dante Lucarelli – il ragazzo non ha assolutamente cercato di colpire l’arbitro. L’espulsione era giusta, ed è giusto che il ragazzo paghi. Però con questa squalifica è stato punito oltremodo. Non sarà facile dimostrare la nostra tesi, ma cercheremo di tutelare il nostro ragazzo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.