Lucchese, cessione di Capodanno. Domani summit cruciale

La Lucchese è pronta per l’ennesima svolta: domani pomeriggio (28 dicembre) al Porta Elisa andrà in scena un incontro tra l’attuale proprietà (detenuta per il 99 per cento da Arnaldo Moriconi e per l’un per cento da Moreno Micheloni) per il passaggio delle quote ad Aldo Castelli. Imprenditore romano, Castelli possiede diverse società ed è in affari con Enrico Ceniccola, commercialista, ex guardalinee e dirigente in vari club, tra i quali Grosseto, Savona e, ufficiosamente, Messina. Lo stesso Ceniccola stava agendo da direttore generale proprio della Lucchese durante la trattativa per la cessione, poi sfumata, a Pietro Belardelli. Ed è proprio lo spettro di quest’ultimo, nuovamente agitato sullo sfondo, a rischiare di rientrare dalla finestra dopo essere uscito dalla porta, con tutto quel che potrebbe conseguirne. Il vertice di domani, peraltro, potrebbe già risultare decisivo dal momento che subito dopo verrà convocata una conferenza stampa per illustrare le ultime grandi novità relative al riassetto societario.

Uno scenario confermato anche da alcuni dei diretti interessati, come l’amministratore unico in carica Carlo Bini, in procinto di essere sostituito: “Ci troveremo nel primo pomeriggio allo stadio – conferma – ed in quella occasione sarò pronto a dare le mie dimissioni, nel caso in cui qualcuno voglia subentrare al mio posto. Penso che la mia esperienza alla Lucchese termini qui, definitivamente. Gli acquirenti? Non ho certezze sui nomi, posso soltanto sperare che non siano simili a Grassini. In ogni caso, dico che è giusto lasciarli lavorare e giudicarli soltanto a posteriori. Favarin e Obbedio? Ho detto loro di non fasciarsi la testa prima di essersela rotta, aspettiamo e vediamo. Belardelli? Per quanto ne so non fa parte di questa cordata”.
Resta da capire se – come sembra – Moriconi cederà la maggioranza delle sue quote o soltanto una parte di esse. Prudente anche il direttore sportivo Antonio Obbedio, che in questi giorni sta lavorando per rinforzare la squadra nella finestra di mercato invernale: “Preferisco non rilasciare dichiarazioni – afferma – perché siamo in una fase di cambiamento. Posso però soltanto dire che in estate ho deciso di sposare questo progetto e che vorrei portarlo a termine”.
In bilico, con la nuova proprietà, potrebbe esserci anche la posizione del tecnico Giancarlo Favarin: al Porta Elisa, a più riprese, è stato avvistato l’allenatore di lungo corso Stefano Cuoghi.

Che la situazione sia in ebollizione è testimoniato anche dalla convocazione dell’ultimo momento, da parte di tutti i tesserati della Lucchese, di una conferenza stampa domani alle 12 “Per loro precisa volontà”. Un intervento pubblico che giungerà, dunque, qualche ora in anticipo rispetto al cruciale appuntamento per la cessione della società, fissato nel primo pomeriggio.

Paolo Lazzari

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.