Spettacolo al Memorial Romei: vince Cavalieri Rugby Union

Spettacolo doveva essere e spettacolo è stato. La quinta edizione del Memorial Bernardo Romei, svoltasi domenica (15 settembre) all’Acquedotto, ha confermato i pronostici della vigilia regalando al numeroso pubblico presente una manifestazione dai contenuti tecnici di altissimo livello. Il torneo, riservato alla categoria Under 18, è organizzato dal Rugby Lucca ed è diventato ormai il tradizionale appuntamento che apre ufficialmente la stagione ovale lucchese. A spuntarla alla fine sono stati i Cavalieri Rugby Union (società nata dalla fusione tra Cavalieri Prato e Sesto Fiorentino) che ha interrotto il ciclo di vittorie della formazione fiorentina di Medicei che aveva conquistato le ultime tre edizioni. Il tutto, come sempre, all’insegna del ricordo di una persona speciale: Bernardo Romei, uno dei fondatori del Rugby Lucca.

Una grande festa che è ormai diventata un appuntamento fisso per la comunità ovale lucchese.
In campo, 5 squadre a darsi battaglia: oltre ai padroni di casa, I Medicei, i Cavalieri, i Mascalzoni del Canale (franchigia composta da Etruria Piombino ed Elba Rugby) e gli Amatori Rugby Genova. Il format del torneo prevedeva un un serratissimo girone all’italiana tutti contro tutti che ha dato alla manifestazione un elevato tasso di spettacolarità. Alla fine il primo posto è andato alla formazione rossoblu che ha battuto in volata i Mascalzoni del Canale, mentre la medaglia di bronzo è andata ai Medicei campioni uscenti.
Per quanto riguarda la formazione di casa (che anche quest’anno si avvarrà della collaborazione dei Titani Viareggio dell’ex azzurro Denis Dallan e degli Apuani Massa), i rossoneri hanno dimostrato di essere leggermente in ritardo di condizione rispetto alle avversarie ed hanno concluso il torneo nelle retrovie. Detto però che le prime due classificate erano oggettivamente una spanna sopra le altre, i Templari – come amano chiamarsi i ragazzi – se la sono giocata alla pari sia contro la formazione ligure che contro quella gigliata, uscendo sconfitti di misura. Probabilmente, con un po’ di fortuna, in più i ragazzi lucchesi avrebbero potuto portare a casa due vittorie che sarebbero valse il terzo posto che, visto il livello della manifestazione, sarebbe stato un risultato di assoluto prestigio.
Come da tradizione inoltre, durante la premiazione è stato assegnato il premio Paolo Barsotti in memoria dell’amato professore dell’Itis Fermi che per primo portò il rugby a Lucca. Mai come quest’anno la competizione è stata agguerrita con almeno 5 giocatori a contendersi l’ambita targa. Il riconoscimento non va a premiare solo il miglior giocatore dell’intero torneo ma anche l’atleta che si distingue per rispetto e fairplay, valori in cui il professor Barsotti credeva molto. Alla fine a spuntarla è stato il mediano di apertura dei Mascalzoni del Canale, Matteo Pappalardo.
Un vero successo dunque per la società del presidente Andrea Lombardi la cui capacità organizzativa è stata lodata sia dal presidente del comitato regionale della Federazione Italiana Rugby Riccardo Bonaccorsi che dal vice sindaco Giovanni Lemucchi e dagli assessori Stefano Ragghianti e Serena Mammini, tutti presenti per assistere alla manifestazione.
L’evento si era aperto sabato (14 settembre) con l’ormai tradizionale open day in cui tantissimi ragazzi, dai 3 anni un su – con una nutrita presenza anche di bambine – hanno avuto l’opportunità di fare la loro prima esperienza con la palla ovale.
L’appuntamento è dunque per il 2020, con una manifestazione ancora più grande e spettacolare.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.