Quantcast

Cittadella dello sport intitolata a Michele Fanini, piace la proposta

Boom di like sui social all'idea lanciata dal ds Bendinelli che l'ha rivolta al Comune con una lettera al sindaco Menesini

Sta avendo un grandissimo risalto (e migliaia di “like” su tutti i canali social) la proposta del dirigente sportivo Stefano Bendinelli di intitolare la futura Cittadella dello Sport di Capannori alla memoria di Michele Fanini. Proposta rilanciata in una lettera al sindaco di Capannori Luca Menesini.

“Michele – si legge nella motivazione dello stesso Bendinelli, prossimo candidato alla presidenza del comitato provinciale e regionale della FederCiclismo – capannorese di Segromigno in Piano, era conosciuto in Italia e all’estero per le bici da corsa Fanini, adoperate da tantissimi atleti, dai giovanissimi fino ai professionisti; fior di Campioni del pedale hanno corso con le sue biciclette”.

“Michele Fanini – aggiunge – è stato un personaggio del mondo del ciclismo apprezzato e amato per la sua umiltà e per la sua professionalità grazie ai mezzi che riusciva a creare su misura per tanti atleti; stimato grazie anche all’apporto della famiglia Fanini, da Ivano e Cristian con la squadra professionistica Amore & Vita, a Brunello Fanini con la squadra professionista femminile, da Pietro con le auto tecniche per le gare, ai figli Manuel (general manager di una squadra di professioniste al femminile) e Lorenzo che portano avanti una azienda che Michele ha amato con passione ereditandola da papà Lorenzo”.

“Michele Fanini – si legge ancora nella lettera di Stefano Bendinelli – è colui che intuì e lanciò il talento Mario Cipollini divenuto poi campione del Mondo e che militò da ragazzino nella squadra giovanile di cui era patron. Michele ha costruito bici per molti corridori diventati famosi come Michele Bartoli, Rolf Sorensen, Pierino Gavazzi, Andrea Tafi, Gb Baronchelli, Franco Chioccioli. Tutto questo – ha concluso Bendinelli – per mantenere la memoria storica di Michele come grande uomo di sport, un riconoscimento tangibile a colui che ha dedicato la sua vita al ciclismo e ai suoi gioielli di biciclette da corsa conosciute in tutto il mondo”.

Nella lettera indirizzata al sindaco di Capannori Luca Menesini, ad alcuni assessori e al Consiglio Comunale, Stefano Bendinelli precisa anche che “se vi saranno altre richieste per tale iniziativa, richiedo che il nome di Michele Fanini campeggi almeno sulla pista del ciclismo che verrà realizzata attraverso il recupero dell’impianto esistente allo stadio comunale”.

In seguito a questa richiesta e a tantissime dimostrazioni di affetto derivanti proprio da questa idea, la famiglia Fanini intende ringraziare sentitamente Stefano Bendinelli e le moltissime persone che si sono espresse a favore dell’intitolazione “segno questo che Michele è stato amato e apprezzato così tanto da rimanere nel cuore di tutti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.