Fontana si aggiudica il Ciocco Bike Circle

Domani si assegnano le maglie tricolori cross country

Nel Granducato di Toscana c’è un nuovo reggente, quel Marco Aurelio Fontana che, ritornato al suo vecchio amore, il cross country, si è aggiudicato il primo campionato Italiano di e-mtb nella vasta tenuta del Ciocco, dove la ‘Living Mountain’ si estende per 600 ettari nella Valle del Serchio.

Il bronzo olimpico di Londra aveva salutato il mondo del cross country dopo aver vinto il suo quarto titolo tricolore nel 2012. Oggi con un “veni, vidi, vici” alla Gaio Giulio Cesare il pro rider della Focus ha scritto una pagina che rimarrà indelebile nella storia della mountain bike italiana, in questi tempi in cui le bici servoassistite stanno riscontrando un boom senza pari.

Ma la sua non è stata una vittoria sul velluto. Start dallo stadio del Ciocco e sguscia via Diego Benassi, il direttore tecnico del Ciocco Bike Circle che della pista di 4,2 km conosce metro per metro. Un allungo poderoso sfruttando al massimo le potenzialità della sua Specialized, con Fontana e Fruet alle sue spalle. Benassi è stato poi incalzato dai due inseguitori e a causa di un banale inconveniente è finito a terra. Situazione che Fontana e Fruet hanno sfruttato appieno, balzando al comando e danzando lungo la flow trail a “martello”, per usare un termine di commento televisivo.

Alla fine del primo giro Fruet ha avuto un guizzo felice e il contagiri lo vede primo davanti a Fontana e Furlani, ma poi il cambio di Fruet comincia a fare le bizze e, se in discesa ha saputo danzare veloce tra gli alberi e infilando a tutta le paraboliche, in salita la sua Lapierre non riusciva a supportarlo appieno. Fontana non aspettava altro per involarsi tutto solo, col motore della sua Focus a sfoderare i 250 watt, massimo ammesso, di potenza.

Poi Marco Aurelio Fontana ha saggiamente amministrato la situazione, anche se nell’ultimo giro Fruet spianato sulla sua bici ha cercato l’aggancio, ma invano. Fontana è arrivato impennando sul traguardo con soli 3”, sufficienti però per vestirlo in tricolore. Bella stretta di mano tra i due, con Martino Fruet a ricordare che Fontana se l’era ritrovato davanti sul podio ai Campionati Italiani di Pejo. Per il terzo posto, dal secondo giro in poi Vittorio Gambirasio ha gestito la corsa con grande autorità. Dietro è finito l’ex pro su strada Riccardo Chiarini e quindi il redivivo Mirko Pirazzoli.

Tra gli E-Master successo e titolo per Roberto Fabbri (M1 – M2), Carmine Del Riccio (M3), Stefano Walter Panicucci (M4).

Domani il Ciocco Bike Circle assegna le maglie tricolori cross country degli élite, under23 e junior, domenica invece toccherà ai master.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.