Al Porta Elisa un Grosseto neopromosso e molto rinnovato

In panchina il decano Lamberto Magrini, molti gli arrivi da squadre professionistiche

Quando la pandemia prese il sopravvento il Grosseto era in testa al campionato di serie D con due  punti di vantaggio sul Monterosi battuto allo Zecchini per 1 a 0 nello scontro diretto il 16 febbraio. È stata la famiglia Ceri ha riportare tra i professionisti i maremmani. Mario e Skmone prima di intraprendere l’avventura con i torelli erano alla guida del Roselle che ha assunto la denominazione di Grosseto il 18 luglio 2017.

Cammino

Si è confrontata in amichevole con Fiorentina, Pisa cae Viterbese riportando una sconfitta  per 5 a 1 con i viola, un successo con i nerazzurri  per 2-1 e una nuova battuta d’arresto con i laziali prima della gara d’esordio di Piacenza vinta per 2-0 a firma  Moscati e Galligani nella ripresa. Sempre nel secondo tempo è arrivata la sconfitta interna con il Renate arrivata nella seconda parte.

Volti nuovi

Molti gli arrivi in casa biancorossa, molti dei quali con la formula del prestito. In porta dal Monopoli arriva Vittorio Antonino. Nel reparto difensivo in prestito dalla Lazio arriva Sergio Kalaj, dalla Sampdoria dirottato nella passata stagione alla Vis Pesaro Axel Campeol, dal Venezia è stato prelevato Nicolò  Someoni e dalla Fiorentina Romaric Guedegebe e Gheorghe Fomov dal Ghiviborgo. Nella linea mediana dall’Atalanta arriva Erdis Kraja, dal Picerno Mario Vrdoljak, dalla Sicula Leonzio arriva Giuseppe Sicurella e sempre dall’Atalanta Matteo Pedrini, nel campionato scorso alla Giana Erminio. In avanti dal Napoli, nella passata stagione fino a gennaio alla Pro Vercelli e poi al Rieti, in prestito arriva Raffaele Russo. Maremmani scatenati nell’ultimo giorno di mercato con gli arrivi di Carlo Manicone dal Lugano, in prestito al Bisceglie fino a dicembre per poi passare alla Pianese, Federico Scaffidi dalla Sampdoria e Marco Bertoli, prodotto atalantino in prestito alla Feralpisalo.

Allenatore

Lamberto Magrini è al suo settimo mandato su questa panchina. Un rapporto iniziato nel giugno del 2000. Un rapporto che ha vissuto di alti e bassi ma che l’ha visto protagonista dalla serie D fino alla serie B. Nessuno in 108 anni di storia del club da tecnico  era stato capace di vincere due campionati consecutivi. Magrini è in sella dall’8 gennaio 2019 e ha vinto in successione l’Eccellenza e la derie D. Il suo palmares è completato dalla vittoria a Sangimignano del campionato d’Eccellenza nel 97/98 e dello storico traguardo centrato con il Gavorrano salito per la prima volta tra i professionisti  nella stagione 2009/10

Stranieri

Pokerissimo di stranieri in rosa. Si tratta degli albanesi Kalaj e Kraja, del croato Vrdoljak, del georgiano Fomov e del rumeno Stauciuc

I precedenti

Non c’è stata storia quando la gara si è giocata nella città delle mura. Netta la tradizione favorevole ai rossoneri che si sono aggiudicati 13 dei 20 precedenti. Il quadro è completato da 6 pareggi e una sola vittoria del grifone arrivata il 12 dicembre 2004 per 1 a 0. L’ultimo pareggio si è registrsto il 18 febbraio 2007 per 2 a 2. L’ultima vittoria della Lucchese è arrivata il 3 novembre 2014 per 3 a 1, lo stesso punteggio della prima sfida assoluta disputata il 12 marzo 1933.

Rosa

Portieri: Davide Barosi e Vittorio Antonino

Difensori: Andrea Ciolli, Gheorge Fomov, Matteo Gorelli, Mattia Polidori, Sergio Kalaj, Axel Campeol, Niccolò  SImeoni, Romaric Guedegbe e Alessandro Raimo.

Centrocampisti: Riccardo Cretella, Erdis Kraja, William Consonni, Mario Vrdoljak,  Giuseppe SIcurella Emiliano Fratini, Alessandro  Sersanti, Matteo Pedrini, Filippo  Boccardi e Tommaso Pierangioli

Attaccanti: Elia Galligani, Raffaele Russo, Filippo Moscati  Bogdan Stauciuc, Carlo Manicone, Federico Scaffidi e Marco Bertoli

Arbitro

Direzione affidata a Stefano Nicolini di Brescia con l’aiuto degli assistenti perugini Andrea Bianchi e Antonio D’Angelo. Quarto ufficiale Marco Ricci di Firenze. È un esordiente in serie  C e per la prima volta incrocia la pantera con i torelli.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.