Quantcast

Db Motorsport, De Bellis su Porsche secondo assoluto a Monza

I Lombardi si riconfermano al top della categoria al Passo dello Spino

Il fine settimana appena trascorso per Dd Motorsport era denso di impegni e i risultati sono stati esaltanti sia a Monza con Riccardo De Bellis che alla cronoscalata di moto del Passo dello Spino ad Arezzo, a validità sia tricolore che europea.

Riccardo De Bellis, con la Porsche 991 GT3 Cup gommata Michelin, è tornato in pista a Monza dopo due anni ed il risultato complessivo ha consentito al pistard lucchese di rimanere sopra il podio assoluto della Coppa Italia Gt. Due dopo settimane dall’esordio di Imola, il pistard lucchese, con la coupé di Stoccarda curata dalla Zrs di Zambon ripartiva da un ambo di prestazioni ed anche a Monza ha ribadito la propria forza nonostante corra con la vettura meno potente del lotto e nonostante non corresse sul tracciato brianzolo da due stagioni.

De Bellis aveva avviato il week-end di Monza con ottime performance in qualifica, con il miglior tempo di categoria riferito a tutte le competizioni dei vari campionati presenti ed in gara-1, ha siglato il secondo assoluto riuscendo a svincolarsi dalla bagarre iniziale alla prima variante, mentre in gara-2 ha finito in quinta posizione, lamentando in entrambe le occasioni il poco feeling con la pista monzese. Risultato quindi positivo, che consente a De Bellis di rimanere sul podio provvisorio di campionato.

“Abbiamo preso punti importanti – commenta De Bellis – che ci tengono sul podio in Campionato. Tutto sommato un week end andato bene, ho fatto il best lap tra tutte le 991 GT3 cup 3.8 presenti tra i vari Campionati, ma in gara causa la mancanza da Monza da 2 anni, riconosco di non aver guidato alla perfezione, il potenziale c’era ma non l’ho sfruttato. Ad ogni modo, in gara 1 chi ha vinto la mia classe, è uno molto forte, un gran pilota”.

È stata invece la cronoscalata del Passo dello Spino, a Pieve Santo Stefano (Arezzo), a dare il via alla stagione tricolore e continentale di Giovanni e Marco Lombardi, padre e figlio. Questa prima occasione stagionale delle sette che compongono il campionato italiano velocità in salita in moto 2021 ha visto riconfermarsi entrambi al top della specialità, con Giovanni vincitore della categoria tra le moto storiche e con Marco finito secondo per pochi decimi nella parte moderna.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.