Quantcast

Il basket Le Mura Lucca alla prova di Broni

Una trasferta che si annuncia ricche di insidie

Dopo due match interni consecutivi il Basket Le Mura Lucca torna a viaggiare in direzione Broni per una partita ricca di insidie. Domenica (24 ottobre) alle 18 sul parquet del PalaBrera, non sempre foriero di soddisfazione per i colori biancorossi, capitan Miccoli e compagne dovranno vedersela contro un team ancora sì fermo a zero punti ma capace di sfornare buone prestazioni come quella al debutto contro le campionesse d’Italia della Reyer Venezia. Le lombarde, inoltre, potranno contare anche sul supporto del loro appassionato e caloroso pubblico. Quella tra Broni e Lucca sarà anche la sfida tra le due squadre che in estate hanno stravolto maggiormente i roster rispetto al campionato 2020-2021.

Prima settimana piena con tutto l’organico a disposizione per Luca Andreoli, che ha così potuto proseguire nel percorso di inserimento di Sydney Wiese. Francesca Parmesani sarà l’ex di turno, due stagioni per lei a Broni, mentre tra le fila delle lombarde troviamo la pivot Serena Boni, a Lucca nell’annata 2013-2014. In estate i dirigenti della Costruzioni Italia hanno affidato la conduzione tecnica ad Andrea Castelli, allenatore nello scorso campionato di Vigarano. Eccetto il match interno contro la quotata Passalacqua Ragusa, Broni ha destato un’ottima impressione sia contro Venezia (70-61 il finale) che contro Faenza (78-70). In queste prime tre giornate il club pavese sta viaggiando ad una media di 61 punti a partita, catturando 38 rimbalzi e tirando da due con il 40% mentre dall’arco la percentuale di realizzazione è pari al 24%.

Uno dei punti di forza di Broni è sicuramente il tandem di lunghe titolari. Eccellente l’impatto della serba, ma di nazionalità sportiva ungherese, Tijana Krivacevic, alta 1,96, che ha sin qui inanellato 16,3 punti e 7,3 rimbalzi di media. Positivo anche quello della croata Nina Dedic, prelevata in estate dalle polacche del Sleza Wroclaw. L’ala classe 1996, da diversi anni nel giro della propria nazionale, sta viaggiando a 12,3 punti e 8 rimbalzi di media. Ad allungare le rotazioni in questo comparto ci pensano la sopracitata Serena Bona, tornata in A1 dopo cinque stagioni, e Cecilia Albano che già lo scorso anno aveva lavorato con Castelli. Il trio di straniere viene completato dalla guardia-ala croata Klaudia Perisa, arrivata dalla Bundesliga tedesca via Royals Saarlouis. Rinnovatissimo anche per il reparto delle esterne. Virginia Galbiati, al rientro a Broni dopo cinque anni, e la playmaker Elena Bestagno sono giocatrici esperte che garantiscono punti e assist nelle mani. Dalla panchina è pronta a dare il suo apporto la classe 2001 Federica Mazza. A completare il roster troviamo una serie di giovanissime Vittoria Fumagalli, Gaia Castelli, Chiara Corti e Gaia Zimbardo.

“La partita contro Broni sarà una prova importante sotto il piano della mentalità visto che si tratta della prima trasferta stagionale, su un campo caldo di fronte ad una formazione che avrà una grande voglia di vincere – avverte coach Luca Andreoli -. Broni dispone di una giocatrice da Eurolega come Krivacevic, al rientro dopo un anno di stop, che sta producendo tanti punti a partita. Una delle chiavi di volta domenica saranno i rimbalzi offensivi e la nostra capacità di attaccare la loro difesa, aspetto sul quale bisogna migliorare. Non dobbiamo assolutamente ripetere il primo tempo contro Moncalieri adagiandoci sul loro ritmo. Già da domenica cercheremo di imporre la nostra pallacanestro, cercando di essere inseguite anziché inseguire al di là del risultato. Dovremo porre una certa attenzione anche su elementi del calibro di Dedic, Bestagno, Galbiati (18 punti a Faenza) e Perisa. Dalla panchina escono Albano e Bona, altre giocatrici molto abili nel catturare i rimbalzi offensivi”.

Costruzioni Italia Broni-Gesam Gas e Luce Lucca verrà diretta dalla terna arbitrale formata da Alberto Perocco, Stefano De Biase e Valeria Lanciotti. Prima di tutte le partite di questo quarto turno verrà osservato un minuto di silenzio in memoria di Haitem Jabeur Fathallah, cestita della Fortitudo Messina scomparso domenica scorsa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.