Quantcast

Ndm Tecno in cerca di gloria al ‘Città di Arezzo’

In gara Mattia Zanin alla guida della Renault Clio Rally 5

Saranno ancora gli sterrati del Campionato italiano rally terra a rappresentare la prossima sfida di Ndm Tecno, che nel weekend del 7-8 agosto sarà presente al 15esimo Rally Città di Arezzo – Crete Senesi Valtiberina.

Per la squadra versiliese si prospetta, quindi, l’ennesima vetrina prestigiosa, a tinte tricolori, dove mettere in mostra le peculiarità della Renault Clio Rally5, gestita in campo gara per conto di Mc Racing, che per l’occasione sarà affidata a Mattia Zanin, alla prima collaborazione con il team presieduto da Leonardo Bertolucci. L’alfiere di Vimotorsport avrà, alle note, Andrea Budoia, navigatore che già conosce le insidie di questa gara, dove invece Zanin sarà al debutto.

“Siamo di nuovo pronti ad impolverarci ed a dare battaglia in ambito tricolore – le parole di Leonardo Bertolucci, titolare di Ndm Tecno – L’ultima uscita, a San Marino, rally valido sempre per il Cirt, non ci ha portato molta fortuna, pertanto il Città di Arezzo si presenta come un’ottima occasione di riscatto. Accoglieremo nel nostro team Zanin, che si è presentato molto carico e desideroso di mettersi al volante della nostra vettura: l’obiettivo, quindi, sarà quello di metterlo nelle migliori condizioni per andare a caccia di un risultato prestigioso, visto che ci sono tutti gli elementi per fare molto bene.”

Pronto alla sfida è anche Mattia Zanin. “Sono molto felice di tornare a correre su terra, fondo che saggerò per la terza volta in carriera. Avere Andrea Budoia al mio fianco mi aiuterà molto, in quanto conosce bene sia i fondi sterrati che la gara, ma soprattutto sono entusiasta di provare la vettura di Ndm Tecno, un team che ho avuto spesso come avversario e la cui professionalità e competenza è ormai riconosciuta. La loro Clio si è sempre dimostrata performante, sia su terra che su asfalto, quindi sarò curioso di valutarne il livello di competitività.”

Il 15esimo Rally Città di Arezzo – Crete Senesi Valtiberina si svilupperà sulle giornate di sabato (7 agosto) e domenica, abbracciando i territori di Asciano, da dove avrà luogo la partenza (sabato alle 13,30), e di Arezzo, sede del riordino notturno, del parco assistenza, della direzione gara e dell’arrivo, a partire dalle 17,30 di domenica 8.

Teatri delle sfide al cronometro saranno tratti ricavati dalla storia dei rally: la prima giornata sarà composta dalla tripla ripetizione di Alpe di Poti, 13,40 chilometri di pura adrenalina, dove in passato sono transitati i campioni del mondiale rally per il Sanremo. Stesso passato glorioso per la prova speciale di Monte Sante Marie (11,30 chilometri), che assieme al tratto di San Martino in Grania, utilizzato come percorso di prova da molte squadre ufficiali, comporrà il secondo giorno di gara: previsti due passaggi sulla prima e tre sull’altra, i primi due nell’interezza dei suoi 8,20 km ed il terzo ridotto a 4,77 chilometri, che sarà l’ultima prova della gara. In totale saranno, quindi, 8 prove speciali, per 83,97 chilometri cronometrati, su un complessivo di 557,89 chilometri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.