Quantcast

Pugilistica Lucchese, Demollari mette ko l’avversario al Memorial D’Onofrio foto

Vittoria anche per Alessandro Gatti, pareggia Di Santoro ma con l'amaro in bocca. Sconfitto solo Bardazzi

Più gioie che dolori per la Pugilistica Lucchese nel Memorial Eduardo D’Onofrio, svoltosi al Pala Barsacchi di Viareggio lo scorso sabato (31 luglio). La manifestazione, in cui il pubblico è tornato ad affollare il bordo del ring, ha concluso dando un grande spettacolo la stagione pugilistica prima della pausa estiva.

Il primo dei 4 pugili lucchesi a salire sul ring è Andrea Bardazzi, élite seconda serie 64kg, che non riesce però a mantenere la lucidità che contraddistingue la sua boxe elegante e sfuggente per tutte e tre le riprese. Dopo un primo round ad alti ritmi, in cui riesce ad eludere abilmente gli attacchi di Gyonathan Kodra (New Berica Boxe Vicenza) e a penetrare la sua guardia, subisce infatti un calo dalla metà della seconda ripresa, esponendosi maggiormente agli assalti dell’avversario. Il lucchese finisce così, nonostante l’impegno dimostrato, per subire il ritmo dettato da Kodra, e finendo il match con una sconfitta di misura, ma giusta.

Lascia invece l’amaro in bocca il pareggio di Matteo Di Santoro, élite seconda serie 69kg, opposto a Francesco Bongiovì (Boxing Class La Spezia) in un combattimento serrato in tutte e tre le riprese. Di Santoro parte prendendo subito le redini dell’incontro, andando a segno fin dall’inizio con pugni pesanti in grado di arrestare le offensive dello spezzino. Nella seconda ripresa il lucchese si espone di più ai colpi dell’avversario, ma riesce comunque a mantenere il controllo dello scontro per numero e qualità dei colpi a bersaglio. Più equilibrata invece la terza ripresa, che vede i due pugili lottare pugno su pugno nonostante la stanchezza accumulata nelle prime due, contribuendo probabilmente a determinare il pari che sta un po’ stretto all’atleta della Pugilistica Lucchese.

Netta invece la vittoria di Alessandro Gatti, élite 60kg, impegnato nella serata in un match dall’elevato coefficiente tecnico con Luca Ciccola (Pugilistica Cascinese). Il match parte con un attento studio tra i due, che scambiano dei rapidi colpi per sorprendere la difesa dell’avversario, ma senza rischiare di subire contrattacchi. La strategia adottata da entrambi volge però a favore di Gatti, che riesce a far valere le sue qualità colpendo con combinazioni fulminee, senza farsi trovare impreparato in difesa. Il copione si mantiene lo stesso per tutta la durata del match, che termina con una vittoria meritata del lucchese.

A concludere la serata il match clou tra professionisti con protagonista Marvin Demollari, punta di diamante della Pugilistica Lucchese, che non lascia ai suoi numerosi sostenitori accorsi per vederlo neanche il tempo di sbattere le palpebre. Il suo match Filip Poturovic, di Nova Gradiska, nella categoria dei pesi leggeri (61,5 kg) infatti si è concluso con meno di 20 secondi sul cronometro. A Demollari è bastato il tempo di un paio di jab per saggiare la difesa del croato, per trovare il buco all’altezza del fegato dell’avversario. Un rapido spostamento laterale seguito da un montante sinistro sono bastati per spedire Poturovic al tappeto, senza fiato e incapacitato a proseguire l’incontro. Un ottimo risultato che caricherà il morale del pugile lucchese nell’attesa dell’incontro per il titolo italiano, che sembra ora più che mai vicino.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.