Quantcast

Mm Motorsport, un altro weekend di soddisfazioni al Ronde Valli Imperiesi

Roberto Tucci ai piedi del podio per un solo secondo e mezzo. Brillante esordio per Davide Giovannetti

È un altro fine settimana da mandare in archivio con soddisfazione, quello analizzato da Mm Motorsport a conclusione della Ronde Valli Imperiesi, confronto che ha visto impegnata la Skoda Fabia R5 Evo “gommata” Pirelli ed affidata a Roberto Tucci, fresco vincitore del Trofeo Maremma e quarto assoluto nella classifica dell’appuntamento ligure.

Una gara che ha confermato al portacolori di Jolly Racing Team – alla sua seconda esperienza sulla vettura – le ottime sensazioni destate nell’occasione del debutto sull’esemplare dotato di ultima evoluzione, condivise con lo staff tecnico della squadra lucchese e con Sauro Farnocchia, copilota chiamato a confermare la bontà della collaborazione avviata sulle strade della provincia di Grosseto ed archiviata sul primo gradino del podio assoluto.

Di un solo secondo e mezzo, il margine che ha negato a Roberto Tucci il terzo gradino del podio assoluto, particolare che ha confermato le linee di una performance di spessore su strade mai affrontate in precedenza, al cospetto di un plateau avversario di qualità che ha visto comunque terza – tra le vetture di classe R5 – la Skoda Fabia di Mm Motorsport.

Entusiasta, il team manager di Mm Motorsport, Manuela Martinelli: “Siamo molto contenti della prestazione, una conferma molto importante avvenuta su strade sconosciute e che, quindi, vale doppio. Roberto ha grandi capacità, serviva una svolta ed in questi termini si è rivelata importante la collaborazione con Sauro, il rapporto con la squadra e il grande feeling con la vettura, elementi che hanno fatto la differenza”.

Brillante esordio al volante della Skoda Fabia R5 per Davide Giovanetti, affiancato da Massimo Moriconi sulle prove speciale della Halloween Ronde. Il driver di Dimensione Corse si è reso protagonista di una condotta crescente che ha evidenziato un già soddisfacente feeling con la turbocompressa boema. Un particolare espresso fino al momento del ritiro, accusato nell’ultima prova speciale e legato ad un brusco atterraggio da un dosso. Un epilogo sfortunato che, tuttavia, non ha ridimensionato i contenuti di un impegno affrontato a scopo didattico ma che ha regalato ottimi spunti in proiezione futura.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.