Gesam Gas ko con Ragusa dopo una battaglia fotogallery

Le siciliane faticano per violare il parquet del Palatagliate. Ma rispetto all'andata quella di Iurlaro è un'altra squadra

Gesam Gas Lucca Le Mura – Passalacqua Ragusa 65-70 (16-24, 40-43, 48-59)
GESAM GAS: Jeffery 11, Jakubcova 13, Bonasia 7, Ravelli 8, Zempare 15, Azzi ne, Cibeca ne, Orsili 4, Farnesi ne, Madera ne, Smorto 6. All.: Iurlaro

PASSALACQUA RAGUSA: Consolini 4, Soli, Nicolodi 2, Walker 11, Hamby 29, Tagliamento 6, Romeo 11, Gatti L..ne, Stroscio 5, Gatti V. 2, Ibekwe ne. All.: Recupido

Lotta fino all’ultimo la Gesam Gas prima di cedere a Ragusa, corazzata del campionato e già vincitrice con le lucchesi del match dell’opening day di campionato.

Ma la squadra biancorossa non è quella di inizio stagione e si vede. Tiene testa all’avversaria e in più occasioni, nonostante una partenza in salita, recupera l’handicap.

Alla fine a pesare è il parziale del terzo quarto, che ha permesso alle siciliane di affrontare il finale in carrozza partendo da un vantaggio di 11 punti. Le Mura provano a rientrare e riducono il margine di vantaggio ma nel finale, fra falli tattici e tiri liberi non riescono ad agganciare le avversarie che violano così il parquet del Palatagliate.

La cronaca

A condannare capitan Ravelli e compagne sono state le percentuali al tiro non esaltanti, oltre che l’assenza di Madera, sempre alle prese con il problema alla caviglia sinistra. Il centro livornese sarebbe state quella soluzione in più a disposizione di Iurlaro per contrastare le lunghe di Recupido.

Al classico quintetto iniziale della Gesam, Jakubcova- Zempare-Jeffery-Ravelli-Bonasia, coach Recupido, privo dell’infortunata Ibekwe, replica con Nicolodi, Walker, Hamby, Consolini e Soli. Subito sul parquet, quindi, tre delle quattro ex biancorosse di serata. Attacchi che partono con il freno a mano tirato; tabellone che recita 3-4 dopo i primi 2’17’’.

Decisamente diverso l’atteggiamento di Lucca, quest’oggi senza Sara Madera, che prova a giocare alla pari della corazzata siciliana trascinata da una grande Dearica Hamby. La tripla di Bonasia vale un primo sorpasso sul 7-6; veemente lo scatto della Passalacqua che cerca di operare il primo mini break sull’11-16 grazie alla conclusione dall’arco di Romeo e dal centro dell’ex Nicolodi. La Gesam, sebbene sia imprecisa nei tiri liberi con cinque errori complessivi nel primo tempo, trova la forza di impattare sul 16-16. Nuovo allungo di marca biancoverde negli ultimi novanta secondi con un parziale di 0-8 suggellato dalla “bomba” da tre firmata da Romeo.

In apertura di secondo periodo le biancorosse dimezzano il passivo affidandosi alla presenza sotto le plance di Batabe Zempare. Ragusa, di contro, non perde mai la bussola rispondendo presente sempre con Hamby, capace di mettere in fila due giochi da tre nello spazio di una manciata di minuti, e con Tagliamento dalla distanza. In un fortuito contrasto Jakubcova-Soli ad avere la peggio è l’esperta playmaker della Passalacqua. Finale di quarto tutto a tinte biancorosse con la tripla di Ravelli sulla sirena che manda a riposo le contendenti sul 40-43.

Il terzo periodo si apre, tanto per cambiare, nel segno di Dearica Hamby. L’ex dei Las Vegas Aces piazza un parziale di 0-6 con Gesam che mostra delle difficoltà a trovare la strada del canestro. La squadra di coach Recupido arriva agli ultimi dieci minuti di contesta con 11 lunghezze di vantaggio.

Le iblee controllano con maestria il quarto periodo sebbene Lucca con tanta generosità resti attaccata alla gara risalendo sino al -6 grazie ad una “rubata” poi concretizzata comodamente. I cinque punti ravvicinati di Stroscio, chiamata in causa per dare dei minuti di riposo a Romeo, sigillano il successo di Ragusa che mercoledì (15 gennaio) tornerà in campo per il recupero contro Costa Masgnaga per prendersi la vetta.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.