Bcl e Le Mura insieme per il minibasket: nasce ‘Lucca academy 2020 Lab’

Novità su strategie di marketing, abbonamenti e opportunità per i ragazzi

Giorno da ricordare oggi (26 agosto) per il mondo della pallacanestro lucchese che, dopo una lunga serie di palleggi, è riuscito finalmente a fare un bel canestro da centro campo: Basketball Club Lucca e Le Mura Lucca hanno finalmente presentato il loro progetto dedicato al mini basket attraverso la creazione di una nuova e unica società, la Lucca Academy Basket 2020 – Lab.

Una fusione, quella presentata oggi alla palestra Ego di Sant’Alessio, che ha riempito di orgoglio i componenti delle due società che, secondo quanto raccontato stamattina, una volta seduti intorno ad un tavolo si sono trovati subito in armonia, soprattutto per quanto riguarda gli obiettivi. Tra questi sicuramente quello di avvicinare i giovani allo sport, trasformando il divertimento anche in grandi opportunità di crescita per i ragazzi. Un progetto innanzitutto sociale riservato ai bambini/e dai 5 agli 11 anni, un percorso formativo e di sport che li introdurrà, raggiunti i 12 anni, ai campionati agonistici federali.

Una partnership concreta, quella della Lucca Academy, che prevede una stretta collaborazione su varie aree tematiche con la prospettiva di convergere nel medio termine verso un progetto unico. Tre le aree principali: gli abbonamenti, il marketing e naturalmente il mini basket dedicato ai ragazzi.

Gli abbonamenti. Esistono due tipi di tipologie, lo standard e il friends con l’aggiunta degli abbonati della scorsa stagione. I prezzi variano: si va dai 50 euro ai 130 euro (standard), mentre per entrambi i campionati è possibile riservare i posti numerati (si parla di 300 euro singolo e 500 coppi, nucleo familiare). Rispetto allo scorso anno è prevista una riduzione del 25%.

L’area marketing ha finalmente una vera strategia comune e punta soprattutto sulla visibilità e nella ricerca delle aziende (non sponsor). Durante la conferenza stampa sono stati indicati anche i diretti responsabili sul campo del progetto Lucca Academy Basket, Giacomo Stefani come responsabile tecnico e Andrea Calistri in qualità di responsabile gestionale e amministrativo.

Per quanto riguarda il minibasket la società punta a una sinergia inedita per Lucca, con un progetto sociale rilevante dedicato a ragazzi e famiglie e dando anche un valore alternativo alle aziende della Provincia.

I numeri. L’obiettivo è quello di reclutare almeno 150 iscritti, con una ‘quota rosa’ del 15/20 per cento. Le squadre, come hanno voluto precisare in sede di conferenza stampa, saranno sia maschili che femminili. Tra gli obiettivi ovviamente anche quello dell’autosufficienza economica, che purtroppo in questo periodo diventa sempre più complessa.

Grandi novità anche per gli abbonamenti degli iscritti: la quota è di 340 euro in due rate (40 euro di sconto per chi paga subito la quota completa) e comprende anche il kit con maglietta, pantaloncini e zainetto. Con la quota di iscrizione è compreso anche un doppio abbonamento in omaggio valevole sia per la A femminile che la C gold maschile. Gli abbonamenti saranno nominativi (secondo quanto previsto dalle norme anti-Covid).

Un progetto ambizioso che nasce in un periodo di tanti “forse”, ma che comunque cerca di partire con tanta positività. 

“Proviamo a parlare di sport e di allegria proprio adesso che i nostri sorrisi sono nascosti dalle mascherine – ha commentato Rodolfo Cavallo, presidente Basket Le Mura – Da tempo pensavamo a questa unione, finalmente oggi siamo qui a parlare per il bene dello sport e dei ragazzi. Un progetto ambizioso questo che purtroppo è nato in un momento difficile, ma spero che metta le basi per cose ancora più grandi”.

Le famiglie adesso sono in difficoltà e lo capiamo benissimo – ha spiegato Cavallo – per questo abbiamo cercato di venire incontro a tutti con l’obiettivo di far crescere i ragazzi non solo dal punto di vista sportivo ma anche per quanto riguarda i valori importanti. Per la società non c’è crescita se non ci sono giovani che nutrono passioni e grandi principi”.

Molto emozionato anche Matteo Benigni, presidente Bcl: “Felice che il nostro progetto di unione parta dai ragazzi – ha  commentato – Spero che oltre a talenti e a giovani appassionati di pallacanestro escano fuori anche futuri allenatori e dirigenti”.

“Speriamo in un reclutamento più ampio possibile – ha detto Marco Terigi – Questo è un progetto soprattutto di valenza sociale. Ringrazio l’amministrazione per averci dato fiducia anche se il periodo è molto complesso: in futuro avremo sicuramente bisogno di ulteriori spazi e abbiamo bisogno che il Comune, ma anche la città stessa, ci stia vicino e ci sostenga“.

In chiusura hanno preso la parola i rappresentanti dell’amministrazione comunale e provinciale, i quali si sono detti felici di questo progetto, la consigliera Teresa Leone lo ha definito come un “ottimo veicolo di contrasto all’odierna povertà educativa”, in sintonia con la consigliera anche Leonardo Dinelli il quale ha elogiato questo accordo che valorizza complessivamente tutto il movimento e ha poi confermato la volontà dell’amministrazione di appoggiare questo progetto.

Le iscrizioni si svolgeranno le prime settimane di settembre. Nel frattempo, i ragazzi dai 6 ai 12 anni – e soprattutto le ragazze – potranno scoprire il mondo del basket nei campi che in questi giorni resteranno aperti per una sorta di ‘open-day’.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.