Quantcast

La situazione della Lucchese continua a essere difficoltosa

Più informazioni su

La Lucchese continua a versare in una situazione di classifica di grande difficoltà: nonostante nelle ultime partite la squadra del tecnico Giovanni Lopez abbia disputato delle prestazioni gagliarde contro avversarie di alta classifica, alla prestazione sul campo non è poi corrisposto un felice risultato. Nelle ultime quattro sfide i toscani hanno infatti sfidato le prime della classe, riuscendo a trovare due importanti pareggi con la Pro Vercelli terza in classifica, e con la Juventus Under 23. Anche le sconfitte contro Como e Pro Patria sono state di misura, ma non hanno evitato alla Lucchese di prolungare un digiuno dalla vittoria che permane da un mese, in occasione della vittoria in trasferta contro la Pergolettese.

Come evidenziano le scommesse sportive, la situazione della Lucchese ricalca quello che si sta vedendo in Serie A con il Crotone di Stroppa. Una squadra che spesso raccoglie meno di quanto avrebbe meritato in virtù della prestazione sul campo, che riesce talvolta a fermare le big (basti ricordare il clamoroso pareggio della Juventus in terra calabrese a inizio campionato), ma troppe volte concede amnesie difensive che vanno poi a influenzare negativamente i risultati. Il Crotone pare ormai spacciato e indirizzato verso la Serie B; la Lucchese ha un distacco non così elevato dalle altre squadre coinvolte pericolosamente nella zona playout e retrocessione, ma di certo la situazione continua a essere non semplice.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Lucchese 1905 (@lucchese1905)

Un dato significativo è la difficoltà con cui la Lucchese non riesca a far valere il fattore casalingo: per punti totalizzati nello stadio di casa, la Lucchese è ultima con soli sette punti conquistati, mentre non è tra le peggiori per quanto riguarda i punti conquistati lontano dalle mura amiche, ben undici a confronto dei cinque totalizzati dal Livorno e dalla Pistoiese, altre due squadre coinvolte nella lotta per non retrocedere. Dopo ventisei giornate a far storcere il naso ai tifosi sono le troppe sconfitte (quattordici) e soprattutto i goal concessi (quarantatre), frutto di amnesie ed errori difensivi che la rendono la peggior difesa del campionato e vanno a penalizzare oltremodo il resto della prestazione della squadra, dal momento che per goal e produzione offensiva la compagine di Lucca non meriterebbe di essere inchiodata all'ultimo posto in classifica.

La squadra, per risalire, dovrà continuare ad affidarsi alle poche certezze presenti in rosa: il terzino sinistro Adamoli, un giovane di ottime promesse come l'atalantino Solcia, arrivato in prestito dal vivaio bergamasco, e soprattutto Flavio Bianchi, attaccante classe 2000 arrivato in prestito dal Genoa e che ha attraversato tutte le annate delle nazionali giovanili, per ora capocannoniere indiscusso della squadra con otto goal. I recenti risultati ottenuti contro alcune delle squadre che lotteranno per la zona playoff e la promozione in Serie B fanno ben sperare: la Lucchese ha disputato prestazioni di ottimo livello, riuscendo a fermare sul pareggio squadre più blasonate, anche se una vittoria avrebbe evidenziato ancora meglio lo spessore delle prestazioni realizzate. La chiave per risalire sarà mantenere lo stesso livello di gioco per vincere anche gli scontri diretti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.