Lucchese, Vito Graziani nuovo responsabile del settore giovanile

Svelati tutti i nomi dell'ambizioso progetto rossonero. Simone Angeli responsabile della scuola calcio

Far rinascere il settore giovanile dando credibilità alla società con un obiettivo: far diventare la Lucchese un punto di arrivo per tutti i ragazzi della Provincia. Si può riassumere con queste parole il progetto lanciato oggi (14 febbraio) dalla Lucchese, che ha illustrato la nuova organizzazione del settore giovanile rossonero. Un progetto che riparte da zero, ma di un’importanza unica: quella di far crescere giovani stelle nella propria cantera.

Il progetto è stato presentato dall’amministratore delegato Alessandro Vichi: “Finalmente oggi definitivamente il via al progetto del settore giovanile. Siamo partiti leggermente in ritardo secondo i piani, il percorso non è stato facile. Abbiamo cercato di fare le cose con passi moderati, rispettando quello che era stato promesso. Partiamo con tasselli di base, che poi verranno allargati. Potevamo partire in maniera più forte, ma non è questo l’intento della Lucchese. Vogliamo fare tornare la Lucchese – con un programma triennale – un punto di riferimento per tutta la Provincia. Cerchiamo accordi con altre società: non vogliamo essere antagonisti. Dobbiamo tornare quelli di qualche anno fa: la Lucchese deve essere un punto di riferimento per tutti i giovani calciatori della Provincia. Per arrivare a ciò vogliamo agire passo per passo”.

Settore giovanile Lucchese

Vichi svela l’organigramma tecnico e dirigenziale del settore giovanile: “Il responsabile delle quattro squadre (Beretti, Allievi A, Giovanissimi A, Esordienti) sarà Vito Graziani, un personaggio ben conosciuto e da noi stimato. Pensiamo che possa essere la persona giusta per portare avanti il progetto del settore giovanile. Graziani non sarà solo, avrà dei collaboratori: Gabriele Baraldi e Franco Luporini. Il segretario sarà Bruno Dianda. Ci saranno anche due osservatori di zona/direttori sportivi: saranno dei veri e propri punti di riferimento per la zona assegnata. Il primo è Casella, che sarà responsabile della zona di Lucca, il secondo Massimo Valiensi, che ha una grande esperienza nel calcio e che aspettato il nostro progetto rifiutando altre società”.

L’altra novità riguarderà la scuola calcio: “Il responsabile di tutta la scuola calcio – l’annuncio di Vichi – sarà Simone Angeli (dai bimbi del 2014 fino al 2010), che di certo non ha bisogno di presentazioni. Angeli sarà affiancato da Manuele Cacicia, il secondo di Nicola al Genoa in Serie A. Assisterà la scuola calcio, sarà un grande valore aggiunto. Verrà creata una società ah hoc, una scuola calcio della Lucchese con un nome ancora da definire. Stiamo studiando logo e nome. Anche qui ci sarà l’apporto di Bruno Dianda da segretario: in futuro abbiamo in programma la figura di un secondo segretario per alleggerire la grande mole di lavoro di Dianda. Posso svelare che un altro consulente esterno sarà Enrico Scaletta. Siamo pronti a lavorare già a partire da domattina: vogliamo far sì che la Lucchese sia un punto d’arrivo per i giovani del nostro territorio”.

La prima collaborazione sarà quella con il Sant’Alessio: “Abbiamo già stretto – afferma Vichi – un rapporto di collaborazione con una squadra: il Sannt’Alessio. È la prima società, che però continuerà a fare calcio così come oggi: ci sarà solamente un’opzione della Lucchese su tutti i tesserati. Presto sveleremo il nome di tutti gli allenatori e degli istruttori del nostro settore giovanile. Per quanto riguarda gli sponsor confero che l’unico sarà Fosber”.

Capitolo strutture

“Le strutture saranno fondamentali per la realizzazione di questo progetto – commenta Vichi -. Quelle certe, oltre l’Acquedotto e il Porta Elisa, sono quelle di Carignano e di Sant’Alessio. Ci sono altre strutture molto accreditate, ma dobbiamo ancora definire gli aspetti economici. Sto parlando delle Madonne Bianche e di Saltocchio, che sarebbe la ciliegina sulla torta. La prossima settimana incontreremo il Comune”.

Le parole dei protagonisti

“Ringrazio la società per la grande fiducia – le parole del responsabile del settore Graziani -. Oggi inizia ufficialmente una nuova avventura, il settore giovanile è fondamentale per una società sportiva. Ci auguriamo che nel tempo possa tornare grande. La situazione è complicata, c’è un intero settore da ricostruire. Ci sarà tanto lavoro da fare, speriamo di sbagliare il meno possibile. Dobbiamo tornare ad essere una società con credibilità”.

Settore giovanile Lucchese

“Ringrazio anche io la società per questa opportunità – commenta il responsabile della scuola calcio Angeli -. Con Cacicia ho un rapporto di amicizia partito anni fa, scherzavamo sul fatto di ripartire con una nostra scuola calcio. Adesso ci siamo: non siamo convinti di questo progetto, siamo più che convinti. La scuola calcio è fondamentale, produce elementi importanti per il settore giovanile. Cacicia darà una mano importante per quanto riguarda la guida tecnica. C’è un grosso lavoro da fare, dobbiamo ritrovare quel senso di appartenenza ai colori della Lucchese. Negli anni è stata persa anche la credibilità per colpa dei vari fallimenti. Adesso sta a noi ridare ai rossoneri quella credibilità”.

Settore giovanile Lucchese

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.