Lucchese ko sul campo della capolista Como (1-0)

Decisiva la rete di Arrigoni a meno di dieci minuti dalla fine. I rossoneri restano ultimi con 17 punti

Como – Lucchese 1-0
COMO (4-2-3-1): Facchin; Iovine, Crescenzi, Solini, Dkidak (40′ st Bovolon); Bellemo, H’Maidat (26′ st Gabrielloni); Cicconi, Gatto (40′ st Allievi), Terrani (26′ st Arrigoni); Ferrari. A disp.: Zanotti, Toninelli, Celeghini, Rosseti, Walker, Daniels, Koffi, Castillion. All. Gattuso

LUCCHESE (3-5-2): Biggeri; Pellegrini, Benassi (43′ st Scalzi), Panariello, Panati, Nannelli, Sbrissa (22′ st Kosovan), Zennaro (12′ st Meucci), Adamoli (12′ st Maestrelli); Bianchi, Petrovic. A disp.: Pozzer, Cruciani, Cellamare, Dalla Bernardina, Forciniti, De Vito, Galardi. All. Di Stefano

ARBITRO: Daniele Virgilio di Trapani (Ferraioli e Croce di Nocera Inferiore)

MARCATORE: 37′ st Arrigoni

NOTE: Ammoniti: 3′ pt Sbrissa, 22′ pt Panariello, 41′ pt Benassi, 5′ st Dkiadak, 30′ st Arrigoni, 47′ st Pellegrini, 44′ st Gabrielloni

Non riesce l’impresa alla Lucchese. Nel lunch match di San Valentino, la Lucchese (in piena emergenza) cade sul campo della capolista Como. Una partita lottata, a tratti anche giocata meglio dai rossoneri, decisa da un calcio di punizione di Arrigoni a meno di dieci minuti dalla fine. C’è ancora una volta un po’ di rammarico per i ragazzi di Lopez: nel secondo tempo, infatti, Petrovic ha sprecato una buonissima occasione per portare in vantaggio la Pantera.

È la 13esima sconfitta stagionale per la Lucchese, che incassa il 40esimo gol (peggior difesa) e torna all’ultimo posto in solitaria con 17 punti (il Livorno è a 18, la Giana Erminio a 21).

La cronaca

Lucchese a caccia dell’impresa nel lunch match di San Valentino contro la capolista Como. La prima della classe contro l’ultima: sono ben 29 i punti di differenza in classifica tra i rossoneri e i lombardi. I rossoneri (oggi in maglia gialla), guidati da Oliviero Di Stefano a causa della squalifica di mister Giovanni Lopez, sono pronti a dar battaglia in piena emergenza (fuori il portiere, due difensori titolari e un attaccante). C’è però una buona notizia: rientra dal primo minuto Maikol Benassi, pronto a guidare la retroguardia rossonera. Completano il reparto Pellegrini e Panariello, in porta c’è Biggeri.

Nel solito 3-5-2, viene scelto Sbrissa davanti alla difesa, con Nannelli e Zennaro braccetti. Parte dalla panchina Meucci. Sugli esterni Adamoli e Panati. Davanti out Marcheggiani per infortunio: in campo la coppia Bianchi-Petrovic. Il Como di Gattuso risponde con un 4-2-3-1 con Ferrari a guidare l’attacco.

Partono forte i padroni di casa: al 5’ la punizione da lontano di Terrani viene respinta in corner da Biggeri. Sul successivo corner Crescenzi, troppo solo, colpisce di testa ma trova ancora pronto il portiere rossonero, che blocca in due tempi. Al 12’ Cicconi sfiora il clamoroso gol del vantaggio con una rovesciata in area: la palla finisce fuori di un niente. C’è solo il Como in avvio di gara: al 13’ Ferrari effettua una sponda per Gatto che calcia di prima dal limite dell’area sfiorando il palo.

La Lucchese c’è e risponde al 16’ con un grande diagonale di Petrovic: il suo destro in corsa termina a lato tra i brividi dei padroni di casa. La partita è viva: al 25’ H’Maidat si inventa una palla geniale in area per Dkidak, che sfiora il vantaggio con una conclusione mancina. Il Como perdona i rossoneri: al 42’ Ferrari, lasciato colpevolmente solo su cross da calcio piazzato, manda incredibilmente fuori il suo colpo di testa. Dopo un minuto di recupero, arriva il fischio dell’arbitro: il primo tempo finisce a reti inviolate.

Le squadre tornano in campo senza cambi. Al 6’ clamorosa palla gol per la Lucchese: Panati pennella un gran calcio di punizione in area, ma Petrovic tutto solo spreca spedendo fuori il colpo di testa. Che occasione per i rossoneri. La partita resta bloccata, con la Lucchese attenta a non concedere occasioni alla capolista. Al 32’ Gatto sfiora l’eurogol: controllo di classe in area e tiro al volo, la palla deviata finisce fuori di un soffio. Doccia fredda per la Lucchese: al 37’ Arrigoni sblocca la gara con un bel calcio di punizione dal limite (concesso ingenuamente) che passa la barriera e finisce nell’angolino basso con Biggeri immobile. Il Como passa in vantaggio. I rossoneri, di cuore, ci provano fino in fondo a riagguantare la partita. Ma il muro del Como regge: la Lucchese va ko.

Dopo il 90′

Per mister Giovanni Lopez la Lucchese ha pagato ancora una volta una grave ingenuità: “Una sconfitta che ci lascia grande rammarico, perché arrivata al termine di una buona partita, in cui abbiamo tenuto bene il campo e creato anche alcune occasioni per vincere. Nel secondo tempo non abbiamo concesso praticamente niente al Como e con maggior decisione sulle opportunità che abbiamo avuto, avremmo potuto segnare per primi e portare a casa anche il risultato pieno. Purtroppo paghiamo invece la grave ingenuità che ha causato la punizione da cui è nato il gol, a meno di dieci minuti dal termine. Da domani di nuovo al lavoro, perché mercoledì si gioca e sappiamo che la posta in palio per noi è altissima”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.