Quantcast

Una magia di Visconti stende il Siena: il derby è della Lucchese (1-0)

Esame di maturità superato: la Pantera non si ferma e vola a quota 21 punti

Lucchese – Siena 1-0
LUCCHESE (4-3-1-2): Coletta; Corsinelli, Bachini, Bellich, Nannini; Eklu (36′ st Brandi), Minala, Visconti (21′ st Picchi); Belloni, Fedato (33′ st Dumbravanu), Nanni. A disp.: Cucchietti, Papini, Bensaja, Gibilterra, Babbi, Quirini, Yakubiv, Svhimmenti, Lovisa. All. Pagliuca

SIENA (4-3-3): Lanni; Mora (40′ st Milesi), Terigi, Terzi, Favalli; Bianchi (19′ st Pezzella), Acquadro (19′ st Guberti), Bani (40′ st Meli); Caccavallo (19′ st Karlsson), Varela, Disanto. A disp.: Mataloni, Farcasi, Conson, Montiel, Cardoselli, Marcellusi, Conti. All. Maddaloni

ARBITRO: Dario Madonia di Palermo (Pellino di Frattamaggiore, Parisi di Bari)

RETE: 3′ st Visconti

NOTE: Ammoniti: Eklu, Mora, Disanto, Pezzella, Bellich, Coletta, Corsinelli, Terigi. Recupero: 2′ pt, 4’st. Spettatori: 1.458 (381 gradinata, 766 curva ovest, 211 curva ospiti, 100 tribuna)

Il derby è rossonero. Una magia di Visconti (primo gol in rossonero) stende il Siena alla stadio Porta Elisa e regala tre punti pesantissimi alla Pantera. La squadra di Pagliuca supera l’esame di maturità con una partita di personalità, dominata per lunghi tratti. Una battaglia in cui la Pantera ha saputo anche soffrire sul finale, dopo non essere riuscita a concretizzare le diverse palle gol create che avrebbero chiuso la gara. Ma è la terza partita consecutiva in cui la Pantera non subisce gol.

Una Lucchese da sogno non si ferma, stende anche il Siena e vola a quota 21 punti in piena zona playoff.

La cronaca

È tempo di derby. Dopo la convincente vittoria con l’Aquila Montevarchi e il pareggio a Gubbio, con quella traversa che trema ancora, la Lucchese torna al Porta Elisa per affrontare il Siena. Una partita difficile con la Pantera a caccia di conferme, un esame di maturità così come sottolineato da mister Guido Pagliuca alla vigilia. I bianconeri arrivano a Lucca con 23 punti e quarto posto, dietro al terzetto di testa formato da Modena, Reggiana e Cesena. La Lucchese, all’undicesimo posto con 18 punti, è in un ottimo momento e in continua crescita.

La Pantera deve ancora una volta fare i conti con l’emergenza infortuni: out Semprini, Baldan e Zanchetta. Assente anche Frigerio. Quattro cambi per mister Pagliuca rispetto alla formazione scesa in campo a Gubbio: a sinistra torna titolare Nannini, a centrocampo c’è Visconti, in attacco spazio a Nanni dopo l’assenza a causa della convocazione in nazionale. Esordio in maglia rossonera per l’atteso ex Lazio Joseph Minala: c’è tanta curiosità di vederlo in campo. Il Siena di Maddaloni con un 4-3-3 con il tridente d’attacco formato da Caccavallo, Varela e Disanto. Out l’ex Milan Alberto Paloschi.

Lucchese Siena

Derby subito incandescente, con le due tifoserie che si fanno sentire, soprattutto la curva ovest: pronti via e la Lucchese si rende pericolosa con un contropiede guidato dal solito Visconti. Nanni, ben servito sul centro-destra, spreca mettendo al centro un cross troppo debole e mal indirizzato.

Lucchese Siena

Al 4’ risponde il Siena con la conclusione di Mora che centra solo l’esterno della rete. Ospiti in attacco: al 7’, dopo un rimpallo in area su cross da calcio da fermo, Acquadro calcia in mischia a botta sicura ma viene murato dalla retroguardia rossonera.

Primo venti minuti di gioco con ritmi alti e buon calcio, è una battaglia al Porta Elisa. Pochissime, però, le occasioni da gol: al 32’ ci prova Caccavallo direttamente da calcio di punizione, Coletta è bravo a fare un passo indietro e deviare il pallone oltre la traversa. Il primo tempo non registra altri acuti: l’arbitro manda le squadre negli spogliatoi sul risultato di 0-0.

Le due squadre rientrano in campo nella ripresa senza cambi. Al 3’ si sblocca il derby con una magia da centro area di Visconti, il migliore in campo dei rossoneri: il numero 3 dal nulla si inventa un tocco morbido di sinistro, di pura classe, che si insacca sotto l’incrocio con Lanni immobile a guardare il pallone. Grande Lucchese al Porta Elisa: al 15’ Visconti pennella un bel pallone in area per Nanni, che mette giù, appoggia per Fedato che lascia partire un destro in diagonale che viene respinto in corner da Lanni con la punta dei guantoni. Al 17’ risponde il Siena con il colpo di testa di Bianchi su cross da calcio d’angolo: Coletta blocca con qualche brivido. Al 21’ esce Visconti tra gli applausi del Porta Elisa: dentro Picchi. Dominio Lucchese: al 28’, dopo un’azione da manuale, Nannini entra in area dalla sinistra ma sul più bello sbaglia l’ultimo tocco. La Pantera costruisce tanto, ma non riesce a concretizzare e mettere in cassaforte la partita con la seconda rete.

La gara resta aperta: al 38’ Varela, su sponda di Karlsson, calcia di prima dal limite dell’area impegnando Coletta, che salva il risultato. Finale vietato ai deboli di cuore, con un super Coletta che mette un muro davanti alla porta. Il risultato non cambia: triplice fischio dell’arbitro, il derby è rossonero. Scatta la festa della Lucchese davanti ai propri tifosi.

Dopo il 90′

Esultano Mario Santoro e Bruno Russo a fine gara: “È una bellissima vittoria – commenta il direttore generale -, voglio fare i complimenti all’allenatore, a tutto lo staff, ai ragazzi e al direttore sportivo. Sono orgoglioso di averli a mio fianco. Dal magazziniere fino al presidente, questa vittoria è di tutti. Grazie anche ai tifosi, oggi c’era una bella cornice”. “È un risultato prestigioso – le parole di Russo -, abbiamo vinto un derby davanti ad una cornice di pubblico importante. Sono 3 punti importanti che ci portano in una zona di classifica più tranquilla. Deoma in silenzio ha fatto un gran lavoro: questa vittoria è dedicata a Benedetta, sua figlia che oggi festeggia il compleanno. Playoff? È prematuro parlarne. Ripeto, oggi abbiamo vinto meritatamente contro una squadra importante e siamo contentissimi per il risultato. Abbiamo vinto su tutti gli aspetti: il Siena ha fatto poco, la Lucchese ha strameritato la vittoria”.

Anche mister Guido Pagliuca si gode i 3 punti, ma mette in guardia l’ambiente: “Questa vittoria è merito dei ragazzi. Lo ripeto ancora una volta, questo è un gruppo eccezionale, splendido. Abbiamo giocato 70′ in cui a tratti abbiamo fatto meglio, in altri c’è stato equilibrio. Abbiamo giocato contro una squadra allenata da un grande allenatore che stimo tantissimo. Sono sicuro che il Siena arriverà tra le prime quattro. Quella di oggi è la vittoria del gruppo, anche di chi gioca meno. Sono tutti importanti. Questi ragazzi lavorano e si meritano tutto questo. Il ds è un grande e lo voglio sottolineare, ci ha messo a disposizione una grande rosa questa estate. Non parliamo di playoff, il nostro obiettivo è chiaro: la salvezza. Chi dice altro non fa il bene della Lucchese. Dobbiamo fare qualcosa in più della salvezza? È un’affermazione irrispettosa per i ragazzi che lavorano. Abbiamo bisogno di serenità e di continuità di prestazioni. Minala? È partito così così, deve trovare il passo. Oggi ci serviva fisicità in mezzo al campo. Ripeto, ho un gruppo splendido: adesso andiamo avanti con umiltà. Mancano ancora tanti punti per arrivare a 40. La vittoria è ancora una volta dedicata a Dollaro”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.