Logo
Stampa questa pagina

Calcio femminile, il matrimonio con la Lucchese non s'ha da fare. Chiocchetti accusa

Marco Chiocchetti 2Fare delle due squadre di calcio femminile una sola, affiliandola alla Lucchese. Ma il matrimonio, a quanto pare, non s'ha da fare. E', infatti, in stallo e non ha ancora ricevuto alcuna risposta, dopo un primo colloquio cordiale, la proposta del presidente dell’Acf Lucchese Femminile Marco Chiocchetti che aveva avviato una trattativa con la Lucchese calcio di Grassini e Lucchesi.
“Quindici giorni fa abbiamo incontrato il direttore generale della Lucchese Fabrizio Lucchesi. Oggetto dell’incontro l’opportunità di riunire le due realtà femminili esistenti a Lucca nella società maschile. Una opportunità importante per tutti perché sarebbe nato un soggetto sicuramente competitivo in un calcio femminile che è in forte espansione e sviluppo. Oltre a questo aspetto, sarebbe stata una buona notizia per l’ambiente sportivo lucchese, a costi davvero irrisori".

"Insomma - è convinto Chiocchetti -, una buona occasione per tutti, che avrebbe ricevuto anche l’apprezzamento del comune di Lucca che non ha mai nascosto il suo gradimento per una soluzione di questo tipo. Purtroppo, però, nonostante l’estrema cordialità dell’incontro e la condivisione dei temi trattati, sono passate due settimane e non abbiamo più saputo nulla. Intanto incombono le scadenze e a questo punto il mancato perfezionamento di questo accordo potrebbe anche determinare la fine della nostra società e della nostra prestigiosa storia. Naturalmente leggiamo come tutti quello che sta succedendo e comprendiamo che ci sono molte problematiche da risolvere per la Lucchese maschile, ma per quanto ci riguarda avremmo potuto chiudere in pochi minuti e sarebbe stato molto  positivo per tutti. Rinnoviamo l’invito ai vertici rossoneri per concludere questa operazione che rafforzerebbe la Lucchese e darebbe un’iniezione di fiducia a tutto l’ambiente, che ne ha molto bisogno in questo momento”.

Developed by Note.it.