Tanti per Boris in Passeggiata, ma il negozio è chiuso foto

Una straordinaria partecipazione e c’era da aspettarselo. Viareggio sta con Boris Egorov, l’ex medico di origini russe che ha mollato tutto per fare l’artista di strade e che l’altro giorno è stato minacciato da un commerciante che lo ha “annaffiato” per allontanarlo mentre stava facendo le sue giganti bolle per far divertire i bambini. Il titolare del negozio in questione si è scusato ma oggi ha voluto tenere chiusa la sua attività davanti alla quale si è ritrovata alle 16 una numerosa folla per stringersi attorno a Boris che ha ancora incantato i bimbi con la sua magia e dolcezza. Sulla vetrina del negozio è stato affisso un cartello con scritto “Abbiamo sbagliato, abbiamo chiesto scusa e lo facciamo ancora oggi restando chiusi”.

In Passeggiata anche i rappresentanti del consiglio comunale ma anche tantissime famiglie con i loro bambini.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.