Nel 2021 a Seravezza il meeting degli Azzano d’Italia

Il meeting degli Azzano d’Italia tornerà in Versilia nel 2021. Il sindaco Riccardo Tarabella ha candidato infatti Azzano di Seravezza come sede del 33esimo raduno, quello che si terrà appunto fra cinque anni. È la novità scaturita nei giorni scorsi a Spoleto in occasione del meeting 2016 al quale il primo cittadino ha partecipato in delegazione ufficiale con il vicesindaco Valentina Salvatori e il presidente del consiglio comunale Riccardo Biagi. Sarà la quarta volta che Azzano di Seravezza ospiterà il meeting. “Una nuova e bella occasione per rinverdire una tradizione ed incentivare gli scambi culturali e di amicizia fra le dieci comunità che ad oggi compongono il club degli Azzano d’Italia – dichiara Riccardo Tarabella – Abbiamo tempo per organizzare il meeting, ma fin d’ora lo immaginiamo in concomitanza con una delle nostre manifestazioni di maggior richiamo – Enolia, ad esempio – per offrire ai nostri ospiti una bella e ulteriore occasione di scoperta e visita del territorio”.

A Spoleto gli amministratori versiliesi hanno partecipato al consiglio comunale congiunto degli Azzano d’Italia ratificando il calendario dei prossimi meeting (nel 2017 a Torricella Sicura in provincia di Teramo, nel 2018 a Premariacco vicino a Udine, nel 2019 ad Azzano San Paolo in provincia di Bergamo e nel 2020 nella località svizzera di Novazzano) e riallacciando i contatti con i comuni “gemellati”, alcuni dei quali entrati da poco nell’associazione che annovera Seravezza tra i soci fondatori. Buonissima in particolare l’intesa con il presidente Secondo Scarzella e con il primo cittadino di Spoleto Fabrizio Cardarelli, con il quale sono state discusse anche possibili forme di collaborazione. Riccardo Tarabella ha anche presentato ai colleghi la figura di Marc Tarabella, europarlamentare belga orgogliosissimo delle proprie origini azzanesi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.