Quantcast

Massarosa, un riconoscimento ai nipoti di una vittima delle foibe foto

In una sala consiliare gremita di studenti, autorità civili e militari e cittadini, si è svolta la cerimonia commemorativa del Giorno del Ricordo, istituito per ricordare le vittime delle foibe, a cui è seguita la toccante consegna di un riconoscimento ai congiunti di un infoibato.

I diplomi e le medaglie, conferiti con decreto del presidente della Repubblica in data 25 gennaio, sono stati consegnati dal prefetto Giovanna Cagliostro e dal sindaco Franco Mungai, ad Alberto e Stefania, nipoti di Alberto Picchiani, che morì nella foiba di Vines nella notte tra il 4 e 5 ottobre 1943.
Alla cerimonia, oltre alle numerose autorità civili e militari, amministratori e cittadini, hanno partecipato anche i ragazzi di due classi dei comprensivi Massarosa I e Armando Sforzi di Piano di Conca che, insieme ai loro insegnanti hanno approfondito questa dolorosa pagina.
“Il ricordo – hanno sottolineato il prefetto Giovanna Cagliostro e il sindaco Franco Mungai – è un dovere nei confronti dei sopravvissuti e dei familiari delle vittime. Noi dobbiamo fare in modo che tali avvenimenti non accadano mai più, coinvolgendo i giovani, verso i quali abbiamo il compito di trasmettere la conoscenza della storia”.
La cerimonia è stata anche l’occasione per il sindaco Franco Mungai di salutare e ringraziare, a nome di tutta l’amministrazione, il prefetto Giovanna Cagliostro, che da lunedì si insedierà nella nuova sede di Potenza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.