Coluccini: “Un fiasco la variante al regolamento urbanistico”

“La variante al regolamento urbanistico è l’ennesimo drammatico “fiasco” della giunta Pd e dell’assessore all’urbanistica Damasco Rosi”. E’ questa la posizione di Alberto Coluccini, dell’associazione civica Massarosa.

“Con anni di ritardo – dice – l’assessore Rosi e la sua maggioranza ha portato a termine con toni trionfalistici un “monco” nuovo regolamento urbanistico. “L’atto più importante che una amministrazione comunale è chiamata a compiere” e su cui dovrebbe essere valutata, almeno queste furono le parole usate nei comunicati dall’assessore/vice al momento dell’approvazione e sempre per obbiettivo dichiarato di Rosi avrebbe dovuto rimettere in moto il settore edile a Massarosa, tanto che nel bilancio previsionale 2017 era stato posto 1,250 milioni di euro di entrate da oneri di urbanizzazione; purtroppo finito il tempo dei proclami il risultato reale finale è, anche questa ulteriore volta, impetusosamente negativo, con solo quasi la metà degli oneri previsti realmente realizzatisi. Nonostante li abbiano anche aumentati sono solo 677mila euro (-46 per cento rispetto alla previsione di bilancio della maggioranza). Addirittura il nuovo regolamento urbanistico della giunta Pd fa peggio anche del precedente ormai datato e superato. Infatti nel 2016 gli oneri incassati erano stati maggiori di oltre 100mila euro esattamente 785mila, quindi anche per confronto tra dati reali, il 14 per cento in meno”.
“Siamo di fronte a dei veri e propri amministratori “fenomeni”, una variante al regolamento urbanistico che almeno nella prima fase non provochi degli effetti positivi non si era ancora mai vista nei comuni italiani, ma che addirittura potesse peggiorasse la situazione non era neanche pensabile. Purtroppo solo nel Consiglio di novembre scorso il consiglio comunale ha tentato di porre rimedio agli effetti negativi della nuova variante sul bilancio, con una variazione di bilancio, rivedendo l’incasso per oneri da 1,250 milioni a 850mila con il risultato di avere molti meno soldi per la manutenzione ordinaria visto che la giunta destina la gran parte degli oneri a spesa “corrente” anziché a spesa “per investimento” come fanno i Comuni migliori e che la differenza negativa tra l’effettivo incassato e la variazione di bilancio di 173mila euro corrispondono ad un ulteriore “buco” di bilancio con cui fare i conti e che questa giunta lascia come danno fatto ai cittadini di Massarosa”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.