Danni del maltempo a Seravezza, 64 privati risarciti

Ammontano a poco meno di 650mila euro i contributi erogati nel Comune di Seravezza per il risarcimento dei danni subiti dai privati cittadini ai fabbricati di civile abitazione (e ai beni mobili in essi ubicati) a seguito delle calamità naturali dell’1 gennaio e 11 febbraio 2014 e del 5 marzo 2015. Sessantaquattro i soggetti complessivamente già risarciti; quattro i privati che entro il 19 luglio prossimo dovranno concludere e rendicontare le opere eseguite per ottenere l’ultima tranche del finanziamento. 

I numeri emergono a chiusura della fase di rendicontazione ed erogazione dei contributi curata dagli uffici municipali. A seguito degli eventi calamitosi, erano risultati 457 i cittadini aventi diritto ai risarcimenti. Di questi, 87 – tutti localizzati tra il capoluogo e la piana – presentarono effettivamente domanda di risarcimento entro i termini fissati dalla Regione Toscana e 68 furono quelli ammessi ai contributi, calcolati in 646.703,38 euro per danni a beni immobili e 900 euro per danni a beni mobili. I 64 cittadini che hanno già completato le opere di ripristino sono stati liquidati per complessivi 534.577,47 euro, pari all’82 per cento dei contributi previsti. I restanti 4 hanno tempo fino al 19 luglio per finire i lavori e rendicontare. Il termine è tassativo e improrogabile. Su indicazione degli aventi diritto, i risarcimenti a oggi sono transitati attraverso gli sportelli locali di due soli istituti bancari: Crédit Agricole Cariparma e Cassa di Risparmio di Pistoia e della Lucchesia. Il Comune di Seravezza ha seguito la lunga e complessa fase di gestione delle domande e dei risarcimenti con uno staff intersettoriale appositamente costituito e composto dal personale della protezione civile, dei lavori pubblici e dell’edilizia privata. Per il front office informativo, nelle prime fasi istruttorie, l’ente si è anche avvalso del supporto di una locale associazione del volontariato. Resta aperta la procedura risarcitoria, partita successivamente, riguardante le aziende che negli anni 2013, 2014 e 2015 subirono danni a causa di piogge eccezionali e avversità atmosferiche. La gestione in questo caso è curata direttamente dalla Regione Toscana.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.