Pieve a Elici, torna il festival di musica da camera

È dal 1967 che la chiesa di San Pantaleone a Pieve a Elici ospita concerti di musica da camera e in 51 anni la bellissima pieve romanica ha accolto i più interessanti interpreti del panorama italiano e internazionale, invitati prima dall’associazione storico artistica chiesa romanica di Pieve a Elici (a cui si deve la nascita di questa manifestazione) e poi, a partire dai primi anni Novanta, dell’Associazione Musicale Lucchese, supportate fin dall’inizio dal Comune di Massarosa. La stagione di concerti della Pieve (ora Festival di musica da camera della Versilia) è cresciuta negli anni e, edizione dopo edizione, ha costruito il successo di quella che è senza dubbio una delle manifestazioni musicali più longeve della Toscana.

Sono nove i concerti in programma per la stagione 2018, in programma dal 1 luglio al 26 agosto. Tra gli ospiti alcune new entry, come i pianisti Anna Kravtchenko e Stefano Bezziccheri, il quartetto Guadagnini, il Trio Metamorphosi, il cornista Martin Owen, e molti amici storici della Pieve, come i pianisti Pietro De Maria e Andrea Lucchesini, il violinista Kirill Troussov, il violoncellista Enrico Dindo e il violista Danilo Rossi.
“Il Festival di musica da camera della Versilia è un gioiello per il nostro territorio, per la capacità di esaltare la bellezza del luogo che lo ospita e per il valore del programma che offre – afferma il sindaco di Massarosa Franco Mungai – Un grande grazie va all’Associazione Musicale Lucchese per il fondamentale supporto che ha reso questa rassegna un marchio inconfondibile del nostro territorio”. “Questo Festival è unico nel suo genere per il luogo in cui si tengono i concerti – aggiunge Marco Cattani, presidente dell’Associazione Musicale Lucchese – e per la cura con cui Marcello Parducci, vera anima della manifestazione, costruisce ogni anno il calendario, portando alla Pieve grandi interpreti e giovani talenti, tutti accomunati dall’entusiasmo di partecipare a concerti in cui si crea un particolare e intenso rapporto con il pubblico”.
Il Festival di musica da camera della Versilia, promosso dall’Associazione Musicale Lucchese e dal Comune di Massarosa con il sostegno di Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, Fondazione Banca del Monte di Lucca e della Banca della Versilia, della Lunigiana e della Garfagnana, si apre domenica 1 luglio con Francesca Dego (violino), Martin Owen (corno) e Maria Perrotta (pianoforte) che eseguiranno un programma molto raffinato e assai inconsueto, con la Sonata per violino e pianoforte n. 1 in la minore op. 105 di Robert Schumann, il Trio per violino, corno e pianoforte di György Ligeti, Appel interstellaire per corno solo di Olivier Messiaen e il Trio per violino, corno e pianoforte in mi bemolle maggiore op. 40 di J. Brahms. Domenica 8 luglio l’atteso ritorno di Kirill Troussov (violino) e Alexandra Troussova (pianoforte) che regaleranno al pubblico del Festival una serata di grande intensità, con la Sonata per violino e pianoforte n. 9, op. 47 Kreutzer di Beethoven, la Sonata in fa maggiore di Mendelsshon e due brani di Tchaikovsky, Meditation n. 1, op. 42 e Valse-Scherzo in do maggiore op.34. Sabato 14 luglio sarà la volta del pianista Andrea Lucchesini con la bellezza della musica di Schumann e la sua Fantasia in do maggiore per pianoforte, op. 17, la Sonata per pianoforte n. 5 in la minore, op. 164, D. 537 di Schubert e la Sonata per pianoforte n. 26 in mi bemolle maggiore, op. 81 Les Adieux di Beethoven. Domenica 22 luglio il concerto Calma di mare e viaggio felice con il Trio Metamorphosi che eseguirà il Trio in sol maggiore op. 1 n. 2 di Beethoven e il Trio in sol minore op. 110 di Schumann. Lunedì (29 luglio) sarà la volta di un duo amatissimo dal pubblico della Pieve: Enrico Dindo (violoncello) e Pietro De Maria (pianoforte). In programma Beethoven e le 12 Variazioni in sol maggiore per violoncello e pianoforte, WoO 45 sul tema See the conqu’ring hero comes dell’oratorio Giuda Maccabeo di Händel, i 5 Pezzi in stile popolare di Schumann e la Sonata in fa diesis minore per violoncello e pianoforte, op. 52 di Martucci.
Il mese di agosto si apre domenica 5 con la viola di Danilo Rossi e il pianoforte di Stefano Bezziccheri che in questo anno celebrano il trentennale del loro sodalizio artistico. In programma Märchenbilder, op. 113, quattro pezzi per viola e pianoforte di R. Schumann, la Sonata per viola e pianoforte in mi bemolle maggiore op. 120 n. 2 di Brahms, il Valzer triste di J. Sibelius, Liebeslied di E. Kreisler e la struggente Pavane pour un enfant defunt di M. Ravel per chiudere, poi, con Astor Piazzolla e il suo Gran tango.
Domenica 12 agosto sarà la volta degli archi del Quartetto Guadagnini e il pianoforte di Simone Soldati che eseguiranno il Langsamer satz di A. Webern, il Quartetto n. 77 in do magg. Kaiser quartet op 76 n.3 di Haydn e il Quintetto in mi bemolle maggiore, op. 44 per pianoforte e quartetto d’archi di Robert Schumann. Domenica 19 agosto sarà la volta del recital pianistico di Anna Kravtchenko e la musica di Haydn (Sonata n. 15 in mi maggiore Hob. XVI: 13 11′), Rachmaninov (Sonata n. 2 in si bemolle minore op. 36) e Chopin, con l’esecuzione di sette notturni. A chiudere il Festival, domenica 26 agosto, sarà il grande violinista Pavel Berman che eseguirà i Capricci di Paganini.
La manifestazione, che vanta la mediapartnership di Amadeus, Sky Classica HD e Rai Radio3, è realizzata anche grazie al sostegno di alcune realtà che rendono possibile la presenza di musicisti di questo calibro. Si tratta di Oleificio Rocchi, Welcome Italia, Lucar TM Toyota, Asa Group, Studi Medici Santa Apollonia, Gruppo Esedra, Akeron e Wolters Kluwer CHH Tagetik. I concerti iniziano alle 21:15. Il costo del biglietto intero è di 12 euro, ridotto 10 euro (Soci Aml 7 euro). La biglietteria apre un’ora prima del concerto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.