Fsp polizia: “Pochi agenti, commissariato di Viareggio in ginocchio”

“Il commissariato di Viareggio è in ginocchio”. Lo dice Valter Mazzetti, segretario generale dell’Fsp polizia di Stato intervenendo dopo l’episodio avvenuto ieri sera in pineta dove è stato ferito un agente impegnato in un controllo contro lo spaccio.

“La gravissima aggressione avvenuta ieri a Viareggio ai danni di un nostro collega – afferma Mazzetti – riaccende, come benzina sul fuoco, l’ira di chi, come noi, rappresenta migliaia di poliziotti e continua, inutilmente, a lanciare allarmi che restano inascoltati. Esprimiamo tutta la nostra solidarietà al collega ferito, e rileviamo che, per fortuna, il giovane uomo è vivo, costretto in un letto di ospedale mentre i suoi familiari, sotto choc, pregano che si riprenda; ma il ‘poliziotto’, colui che in Italia deve operare per garantire sicurezza e legalità, ha dovuto soccombere alle troppe difficoltà e ai troppi ostacoli nello svolgimento di un dovere per il quale il sistema non fornisce i necessari strumenti né predispone le necessarie condizioni. Non è la prima volta che in Versilia accade un episodio del genere, ed eccoci qua a denunciare ancora le stesse cose. Quello è un territorio in cui alcune zone, come la pineta in questione, sono conclamate piazze di spaccio, eppure i numerosi servizi che vi si svolgono sono possibili solo grazie allo straordinario spirito di sacrificio di colleghi che, non di rado, moltiplicano i propri turni pur di garantire la necessaria copertura. Il commissariato è in seria difficoltà, la situazione è al collasso, e parliamo di una zona in cui, di qui a pochi giorni, si avrà a che fare con l’afflusso di circa 50.000 persone al giorno per eventi come il noto Carnevale locale che, nei cinque giorni di durata dello scorso anno, ha fatto registrare 250.000 presenze”.
Gli fa eco il segretario provinciale Fsp di Lucca, Michele Lunardini, che spiega: “Il Commissariato di Viareggio è afflitto da difficoltà che fanno sentire gli operatori completamente abbandonati. Infatti, se sulla carta i numeri della pianta organica sembrano buoni, a ben vedere il personale che svolge servizio operativo è ridotto all’osso – l’età media è di ben 45 anni – e solo con enorme sforzo personale i colleghi riescono a coprire i turni a scapito di ferie e permessi, lavorando anche durante il giorno di riposo, e svolgendo anche servizi non propri, come ha fatto il validissimo e stimato collega ferito ieri, sempre pronto a rispondere positivamente a qualsiasi chiamata in servizio. Lo scorso anno sono arrivati alla Questura di Lucca 20 nuovi poliziotti ma non 1 è stato destinato al Commissariato di Viareggio e lì, lo ribadisco, con il semplice supporto di personale aggregato per il solo fine settimana nei periodi di punta non ce la si fa più”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.