Quantcast

Esercitazioni di salvataggio nelle acque di Viareggio foto

Giornata di esercitazioni per la Capitaneria di porto di Viareggio. Questa mattina (13 aprile) infatti, si è svolta una complessa esercitazione di ricerca e salvataggio in mare, con il coinvolgimento di alcune realtà locali del mondo del volontariato operanti nel settore socio-sanitario e della protezione civile. Tra queste, la Croce rossa italiana comitato Viareggio-Versilia, il corpo militare della Croce rossa italiana e le infermiere volontarie dell’ispettorato di Viareggio, la Misericordie di Viareggio, Torre del Lago e Forte dei Marmi, la Croce Verde di Viareggio, la Società nazionale salvamento sezione Viareggio-Versilia, la Rescue Italia associazioni, l’unità cinofila k-9 di Lido di Camaiore e l’Asd Inside water academy di Lido di Camaiore.

L’esercitazione, preparata nei giorni scorsi attraverso vari incontri tra tutti i partecipanti, ha simulato il verificarsi di vari scenari operativi d’emergenza in rapida successione, eventi che, purtroppo, possono verificarsi realmente soprattutto durante la stagione estiva.
Inizialmente, è stata simulata un’avaria al motore di un natante, con successivi infortuni ed ustioni per due membri dell’equipaggio. Contestualmente, sempre per esercitazione, alcuni bagnanti si sono trovati in difficoltà a rientrare a nuoto a riva a causa delle correnti marine presenti, con conseguente ipotermia. Infine, sempre per esercitazione, un bambino presente sulla spiaggia ha accidentalmente ingerito un oggetto presentando evidenti difficoltà respiratorie.
Per il recupero in mare degli infortunati, sono state impiegate le motovedette Cp 813 e Gc A78 della Guardia Costiera, nonché altri mezzi logistici messi a disposizione dalle varie associazioni partecipanti, quali moto d’acqua, quad, tavole da surf e sup. Sono stati impiegati, inoltre, alcuni cani di salvataggio. Un volta assicurati a riva, i figuranti sono stati stabilizzati mediante manovre rianimatorie di primo soccorso e quindi assistiti dal personale sanitario specializzato.
Queste esercitazioni, organizzate a cadenza periodica dalla Guardia Costiera, mirano a verificare l’efficienza delle comunicazioni esterne ed interne tra i vari enti preposti alle emergenze, a testare modalità e tempistiche di intervento per l’assistenza ai naufraghi o alle persone in difficoltà in mare o sulle spiagge, e, più in generale, a mantenere alto il livello di attenzione e di preparazione professionale di tutti gli operatori.
Peraltro, proprio durante le fasi dell’esercitazione, si sono verificati due eventi di reale emergenza in area portuale, con due imbarcazioni a vela in difficoltà all’interno dell’area della Madonnina ed all’altezza dell’avamporto. In entrambi i casi, le motovedette della Guardia Costiera, già presenti in zona, hanno prestato la necessaria assistenza alle unità navali ed ai loro occupanti, fino al rientro in sicurezza all’ormeggio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.