Chiusa azienda Ponsi, Poletti: “Provincia vicina ai lavoratori, necessari tavoli di confronto”

Il consigliere provinciale Luca Poletti esprime solidarietà ai lavoratori della Ponsi, ora sotto il controllo della Eracos di Brescia, sottolineando che sono stati disattesi gli accordi contenuti nel nuovo piano industriale che prevedeva il mantenimento dello stabilimento versiliese almeno – come si legge dalla nota della Provincia – per altri due anni.

“Dispiace molto – dice Poletti – apprendere dalla stampa che un’azienda storica come Ponsi lasci il nostro territorio soltanto perché il numero dei dipendenti dello stabilimento, già trasferito in un recente passato dalla storica sede di Viareggio a Pian di Mommio, si è progressivamente ridotto. E ‘obbligare’ la ventina di dipendenti rimasti a trasferirsi nel bresciano per mantenere il posto di lavoro, senza alcun confronto preventivo è una presa in giro inaccettabile. Non capiamo questo repentino cambio di rotta – aggiunge Poletti – una sterzata che ha sorpreso anche i sindacati. Mi auguro che dal confronto atteso domani in Regione con il consigliere delegato alle politiche del lavoro Gianfranco Simoncini emerga un intento condiviso per l’attivazione dei necessari tavoli di confronto per la tutela del posto di lavoro dei 22 dipendenti della Ponsi. La Provincia di Lucca, che ha sempre attivato tavoli sulle crisi aziendali del territorio, è vicina ai lavoratori della Ponsi ed è a disposizione per incontri che vedano coinvolte le parti in causa”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.