Servizi socio sanitari, ok i tavoli partecipativi

Bene il ciclo di incontri in Versilia

Più informazioni su

Si è svolta a Villa Bertelli a Forte dei Marmi, alla presenza degli assessori dei Comuni della zona della Versilia, dei rappresentanti delle associazioni del terzo settore, di Alessandro Campani, direttore della Zona distretto, di Giacomo Corsini, direttore del presidio ospedaliero Versilia e di Andrea Cupini, coordinatore del Comitato di partecipazione, la giornata conclusiva di lavoro dei Tavoli di partecipazione del Terzo settore all’interno del percorso di elaborazione ed approvazione del Piano intergrato di salute (Pis) 2020-2022 e dei programmi operativi annnuali (Poa) 2020.

Simona Seveso, presidente del Consiglio comunale di Forte dei Marmi con delega ai servizi sociali, ha aperto la giornata di confronto  portando i saluti del sindaco di Forte dei Marmi, Bruno Murzi, e del presidente della Conferenza dei sindaci, Giorgio Del Ghingaro, manifestando apprezzamento per il lavoro fatto e per l’importanza della presenza e del coinvolgimento del Terzo settore.

Nel mese di giugno scorso la Zona distretto ha predisposto un piano di lavoro che, tenuto conto del termine imprescindibile per l’approvazione dei Pis da parte della Conferenza dei sindaci integrata, potesse prevedere l’intervento fattivo di tutti gli stakeholder nella messa a punto del suo contenuto.

Il percorso di avvicinamento all’approvazione del Pis 2020-2022 e dei Poa 2020 è stato preceduto da un percorso partecipativo, iniziato a luglio 2019, con tutto il Terzo settore.

Il percorso di partecipazione è stato strutturato attraverso l’individuazione di tavoli tematici concordati con il Terzo settore e con i rappresentanti del comitato di partecipazione dei cittadini. In particolare il lavoro si è concentrato su tre tavoli: presa in carico degli utenti; percorsi diagnostico, terapeutico, assistenziale e sociale; comunicazione e informazione ai cittadini.

La metodologia individuata prevedeva la ricognizione dello stato dell’arte, in particolare attraverso l’analisi del profilo di salute, di indicatori socio-demografici e di indicatori di performance.

Successivamente i tavoli hanno lavorato all’individuazione di criticità e alla scelta di possibili soluzioni da inserire nella programmazione dei servizi per l’anno 2020, ai fini del miglioramento della qualità dei servizi stessi.

Il lavoro condotto fatto con i tavoli di partecipazione ha avviato una nuova modalità di confronto  secondo priorità trasversali e di rete che si estende dai servizi al terzo settore, con due obiettivi:  sviluppare e fortificare l’apporto e l’attivazione delle risorse di comunità come elemento fondamentale della programmazione dei servizi socio-sanitari; mantenere un livello di confronto costante per garantire un filo diretto tra i bisogni dei cittadini e la revisione continua dei percorsi.

A breve  la Conferenza dei sindaci integrata darà l’input formale alla complessa fase in cui andranno ad essere declinati gli obiettivi di salute, le priorità di zona, i programmi operativi ed il relativo budget tenendo conto anche dell’importante lavoro fatto dai tavoli di partecipazione del Terzo settore.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.