Ferrara (M5S) a Mattarella: “Revocare il cavalierato del lavoro a Moretti”

La richiesta del senatore al presidente della Repubblica

“Recovare l’onorificenza di cavaliere del lavoro a Mauro Moretti“. E’ la richiesta che il senatore viareggino M5S Gianluca Ferrara fa, con una lettera inviata oggi al presidente della Repubblica Mattarella.

“Oggi ho inviato una lettera al presidente della Repubblica Mattarella – speiga – per chiedergli di revocare l’onorificenza di Cavaliere del Lavoro a Mauro Moretti, condannato in primo e secondo grado per la strage ferroviaria di Viareggio del 2009 che causò 32 morti e che l’ex ad di Fs e Rfi ebbe il coraggio di definire ‘uno spiacevolissimo episodio’ “.

Ferrara già nel marzo 2018 ha presentato una mozione in tal senso fortemente sostenuta dal suo gruppo politico, compresi l’ex ministro dei trasporti Danilo Toninelli e l’allora capogruppo Stefano Patuanelli.

“Il 31 maggio del 2010, nemmeno a un anno dalla strage, Moretti, già allora indagato, fu insignito di tale onorificenza. No – scrive Ferrara – non si trattò di un episodio: sarebbe bastato investire in sicurezza, come sovente sollecitato. Il lavoro di Moretti non è stato indirizzato verso la sicurezza dei passeggeri e del personale, ma verso la riduzione dei costi destinati alla prevenzione come il taglio del personale. Dopo quasi due anni dalla mia richiesta di votare la mozione – prosegue il senatore – ho riscontrato molteplici ostacoli per raggiungere un obiettivo molto sentito dai familiari delle vittime. Ho sollecitato Moretti affinché rinunciasse sua sponte a tale titolo: purtroppo non lo ha fatto. Mi appello a Lei signor presidente, come garante della Costituzione – conclude Ferrara – a nome di tutta la città di Viareggio e di tutti i colleghi senatori che hanno firmato la mia mozione e di tutti coloro che anelano e credono nella Giustizia: Le chiedo di revocare tale onorificenza”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.