Emergenza alimentare, anche Seravezza attiva la procedura

A disposizione dal governo oltre 87mila euro

I servizi sociali del Comune di Seravezza hanno attivato questa mattina (30 marzo) una prima procedura per l’assegnazione delle risorse straordinarie destinate dal Governo all’emergenza alimentare delle famiglie in difficoltà. Al Comune sono stati assegnati complessivamente 87.331,69 euro.

I cittadini che a causa dell’emergenza coronavirus non sono in grado di acquistare generi alimentari debbono rivolgersi in prima istanza alle assistenti sociali del Comune per un colloquio telefonico ai seguenti numeri e nei giorni e orari indicati: lunedì e mercoledì, Toschi dalle 9.00 alle 13.00, telefono 0584 757721; martedì e giovedì, Rocchi dalle 9.00 alle 13.00, telefono 0584 757702; venerdì, Manzati dalle 9.00 alle 13.00, telefono 328 0412958.

Le famiglie poste in quarantena non devono rivolgersi alle assistenti sociali, bensì alla Protezione civile. I buoni alimentari sono destinati a coloro che versano in stato di grave indigenza economica e non beneficiano di altre misure di aiuto erogate dallo Stato. Si raccomanda pertanto senso civico, responsabilità e sensibilità affinché le risorse possano giungere nei tempi più brevi ai nuclei familiari più bisognosi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.