Quantcast

Banca di credito cooperativo, Mallegni sulla nomina di Adami: “Un segnale importante per la comunità”

Il commento del senatore dopo l'escalation a direttore generale del semplice impiegato

“Un segnale importante per la comunità”. Così Massimo Mallegni commenta la nomina di Maurizio Adami a direttore generale della Banca di credito cooperativo Versilia, Lunigiana, Garfagnana, Apuana.

“Una nomina che, nonostante la folle legge sulle banche di credito cooperativo che di fatto ha sradicato la banca dal territorio, rappresenta un notevole passo nella tradizione che ispirò la sua nascita nel 1951 dalla forza dei nostri artigiani, imprenditori e cittadini di Pietrasanta –  commenta Mallegni -. Maurizio Adami ha impiegato tutta la sua passione nella banca, da semplice impiegato fino al gradino più alto della dirigenza. Credo di poter affermare che con questa nomina si è ripreso un percorso interrotto molti anni fa con l’uscita di scena del grande direttore generale Giovanni Tosi a cui tutta la nostra comunità deve moltissimo. Il Cda, guidato sapientemente da Enzo Stamati coadiuvato da tutti i consiglieri di amministrazione ha perfettamente interpretato la necessità di offrire ai soci, alla clientela e alla comunità in cui opera la Banca, un segnale importante che tanto mi ricorda il compianto Paolo Tommasi senza mai dimenticare il grande lavoro svolto dal Cda presieduto dal caro amico recentemente scomparso Umberto Guidugli”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.