Viareggio, polemica per il commissariamento del Pd locale

Gli iscritti dopo la decisione: "Atto gravissimo, ricorreremo fino al segretario nazionale". In discussione la candidatura Bonaceto

Polemica per il commissariamento del Pd di Viareggio. Una nota dei componenti del partito contesta tempi e modi della decisione e ricorrerà agli organismi di partito.

“Alla reggenza del Pd di Viareggio – si legge nella nota – ovvero a Glauco Dal Pino, Gianmarco Romanini e Tenna Liberatore, è arrivata giovedì nel tardo pomeriggio una mail dalla segretaria regionale, Simona Bonafè, dove si annuncia il commissariamento del partito, con tanto di nome del commissario, Alessandro Franchi, ex sindaco di Rosignano ed ex presidente della Provincia di Livorno. Un provvedimento che viene subito giudicato dal Pd di Viareggio completamente immotivato e sconcertante: intanto nel metodo – nessun contatto preventivo degli ultimi mesi aveva preannunciato tale decisione – e poi nel merito, perché la motivazione del commissariamento è assai capziosa: la reggenza non è ricompresa nello statuto nazionale, inoltre sono trascorsi più di quattro anni dall’elezione dell’attuale assemblea comunale e il voto amministrativo si terrà in autunno”.

“La reggenza infatti era stata approvata dall’assemblea del Pd di Viareggio – spiegano dal partito -alla presenza del segretario del territoriale, Riccardo Brocchini, prima dell’emergenza Covid, in data 19 febbraio, per le dimissioni del segretario Leonardo Betti per gravi motivi personali. Doveva condurre fino alle elezioni, ma tutto si è interrotto, per cause di forza maggiore. Non solo, l’assemblea del Pd, regolarmente convocata dal segretario Leonardo Betti, aveva già fatto una scelta di coalizione e di candidato sindaco, Sandro Bonaceto. Si erano costituiti infatti gruppi di lavoro che stavano già producendo documenti utili per il programma elettorale, per la visione futura della città”.

“Quindi a che cosa si deve il commissariamento? – prosegue la nota – La segretaria regionale aveva avuto diversi incontri di chiarimento sulla posizione del Pd di Viareggio, sia con il capogruppo in consiglio comunale, Luca Poletti, sia con la reggenza stessa. Allora l’unica spiegazione di un atto – che giudichiamo comunque grave – è contenuta nell’ultimo paragrafo della mail: il commissario designato ha il mandato “di accompagnare il percorso alle elezioni comunali, definendo gli aspetti programmatici, costruendo le alleanze conseguenti, ampliando la base degli iscritti, anche in vista delle elezioni regionali”. Dunque un “tutto da rifare” che il Pd di Viareggio non può accettare in nessun modo e che avrà pesanti conseguenze politiche. Il Pd di Viareggio si rivolgerà agli organismi del partito, fino al segretario nazionale, per avere spiegazioni su quanto è avvenuto. Sicuramente potrà dialogare con il commissario designato, ma solo per chiarire la correttezza del percorso svolto finora nel far parte di una coalizione e nell’individuazione di una candidatura a sindaco”:

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.