Consorzio marine della Toscana, anche Viareggio nel progetto ‘Banchina sicura’

La proposta per la costruzione di una rete di approdi con mobilità facilitata, prezzi convenzionati e ormerggi assicurati

Un protocollo anticovid adottato da tutti i porti e le marine associate. E’ questa la proposta del Consorzio marine della Toscana per trascorrere le vacanze in tranquillità in charter e navigare in sicurezza nelle sei realtà della regione. Un totale di 2 mila 500 posti barca per imbarcazioni che vanno dai 5 fino a oltre 100 metri a disposizione per tutta la stagione turistica e anche nel prossimo autunno.

“I porti si sono dotati di protocollo che rispetta le normative sanitarie contenute nei dispositivi legislativi e offrono ai diportisti un allestimento particolare sui moli e negli approdi in transito con un tratto di Banchina sicura, delimitata e oggetto di sanificazione costante, dedicata agli yacht, alle imbarcazioni in transito e ai charter – spiega il consorzio -. Accanto al servizio di banchina sicura, è previsto un servizio accoglienza per l’espletamento di tutte le procedure di arrivo in sicurezza, senza la necessità per il comandante o l’armatore di recarsi negli uffici portuali o alla reception del porto”.

Nei prossimi giorni il progetto sarà presentato anche a tutti i porti e marine toscane per la costruzione di una rete di approdi con mobilità facilitata, prezzi convenzionati e ormeggi assicurati. Del Consorzio, fanno già parte Marina Cala de’ Medici spA, società che gestisce l’omonimo porto turistico di Rosignano, la società cooperativa L’Ormeggio di Marina di Salivoli, Yacht Broker e Viareggio porto 2020 a Viareggio, Porto Azzurro all’Isola d’Elba e Marina Arcipelago Toscano  di prossima realizzazione per accrescere la capacità di accogliere megayacht nell’area di Piombino con un complesso affacciato sul mare dedicato ad ospitare anche imbarcazioni da pesca e cittadine, cantieri navali e un’area dedicata al diportismo carrellabile. A queste sei marine, si stanno aggiungendo altre realtà che stanno formalizzando la loro adesione. Il consorzio ha anche avviato un percorso di internazionalizzazione e di promozione, sotto il brand Toscana, il meglio delle realtà del diporto turistico della regione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.