Festa della Repubblica, Del Ghingaro: “Costituzione faro anche nel dopo pandemia”

Il sindaco di Viareggio ha celebrato la ricorrenza con l'Anpi al monumento di Largo Risorgimento

Festa della Repubblica, sentito intervento del sindaco Giorgio Del Ghingaro a Viareggio. La ricorrenza è stata festeggiata insieme a Luca Coccoli, presidente dell’Anpi Viareggio: deposta una corona di alloro al monumento di Largo Risorgimento.

“Il 2 giugno 1946 il popolo italiano ha compiuto una rivoluzione epocale – ha detto il primo cittadino –  ha cancellato il vecchio regime basato sulle differenze di nascita e ha scelto di costruire una Repubblica “fondata sul lavoro” e impegnata a “rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”. Per la prima volta venivano indette votazioni a suffragio universale: anche le donne parteciparono al voto. Dall’anno successivo, il 1947, si celebra l’atto fondativo della moderna Nazione italiana: la festa delle Repubblica”.

“Un 2 giugno dedicato alle madri costituenti, questo – ha detto ancora  alle donne che hanno contribuito a scrivere la nostra costituzione, a tutte le donne che 74 anni fa, per la prima volta, parteciparono al voto. “Questa Repubblica si può salvare. Ma, per questo, deve diventare la Repubblica della Costituzione”, la frase è di Nilde Jotti, prima presidente donna della Camera”.

“Una Costituzione spesso citata in questi mesi di emergenza sanitaria – dice ancora il sindaco – ponendo tuttavia l’accento sulla libertà limitata e poco sul valore primario della salute, che pure essa tutela. scritto che la vita di ogni essere umano ha la medesima dignità e non può essere pesata, che le spese relative alla salute devono stare in cima alla lista, che lo stato sociale non può essere sacrificato su nessun altare, tantomeno su quello del profitto. Una protezione sanitaria universale che da un lato ha salvato l’Italia dagli effetti peggiori della pandemia, dall’altro ha messo il sistema di fronte all’evidenza di punti deboli, mentre si contavano i contagi nelle Rsa, là dove gli anni sono più fragili. Una Costituzione anche un po’ maltrattata, con il governo che è andato avanti a colpi di ordinanze e di decreti. E in prima linea i sindaci, come sempre, ma stavolta con poteri dimezzati”.

“Abbiamo navigato a vista – ha detto il primo cittadino – in questi mesi di aggiornamenti quindicinali: abbiamo detto ai nostri cittadini, abbiate pazienza, state in casa. Cittadini impauriti, come noi, da una malattia sconosciuta, aggrappati nelle speranze ai disinfettanti o alle mascherine. Cittadini che però ci hanno ascoltato: anche mentre la pandemia mostrava il volto bifronte della crisi economica e del dramma sociale. Abbiamo organizzato, rassicurato, trovato rimedi e soluzioni alle cose grandi come alle piccole. Con un occhio ai bisogni e l’altro ai bilanci, abbiamo ritagliato ulteriori risorse, in attesa di protocolli e provvedimenti”.

“Abbiamo di fronte una situazione critica, lo sappiamo, e proprio per questo ci stiamo attrezzando. Il premier Conte ha definito i sindaci “sentinelle del territorio” – conclude – È vero. Abbiamo ben chiari le ansie, le preoccupazioni, le speranze e i sogni delle nostre città. La chiave per ripartire è qui: nelle strade del lavoro, nelle piazze dei grandi eventi, sulle spiagge del turismo e dell’accoglienza. L’apertura totale è ormai questione di ore. Adesso le misure di sicurezza sono chiare: la comunità intera è consapevole che molto è cambiato, che solo insieme va avanti, che solo uniti ce la facciamo. Il paese è cresciuto, è diverso, è migliore. Non servono gilet più o meno colorati o fasce nere sulle mascherine, ombre di un passato che soprattutto oggi non vogliamo vedere riproposto.  Abbiamo le parole della Costituzione, baluardo della Repubblica che oggi si festeggia, pietre angolari sulle quali fondare due volte l’Italia: la prima ieri, nel dopo guerra, la seconda oggi, dopo la pandemia. Buona festa della Repubblica”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.