Un libro per ricordare Zeffiro Rossi fondatore del museo della marineria

Un volume con i contributi di alcune delle persone che lo hanno conosciuto

Oggi (5 giugno) se il suo viaggio, nei mari della vita, non si fosse fermato nel 2017,  Zeffiro Rossi avrebbe compiuto 80 anni. Marittimo in pensione, anima e custode della grande tradizione marinaresca viareggina, Zeffiro era stato tra i fondatori del Museo della Marineria.

Personaggio conosciutissimo ed ancor oggi indimenticato, aveva nel suo nome il destino segnato; andar per mare. Lo aveva fatto “a bordo”, come direttore di macchina e lo aveva fatto a terra nelle vesti di segretario compartimentale dell’Unione Medaglie d’oro di lunga navigazione ed ideando ed organizzando, per anni, con una passione inimitabile, il premio Gente di Mare.

E lo aveva fatto, soprattutto, raccontando il mare ai bambini che si recavano in visita al Museo della Marineria o che incontrava, alla pediatria dell’ospedale Versilia, nelle vesti di volontario Abio.

In questo giorno, per festeggiarlo come merita, esce il libro Tanti auguri Zeffiro (Edizioni Cinquemarzo) che la famiglia ha voluto e che contiene contributi di alcune delle tante persone che hanno avuto la fortuna di conoscerlo. Questi i loro nomi:  Stefania Gambassi, Giusy Rossi, Umberta Rossi, Pietro Rossi, Michel Volpe, Mario Profeti, Zefi Parrini, Adalberto Domenici, Alessandra Giampaoli, Claudio Anghelè, Bruno Aloi, Carlo Elio Defons, Cristina Chiantelli, Cristiana Pedri, Stefano Cunsolo, Daniela Domenici, don Luigi Sonnenfeld, famiglia Principe, Riccardo Fiorentini, Giacomo Callari, Giancarlo e Grazia Cassano, Gionata Chiaro, Gionata Francesconi, Giovanni Canu capitano di fregata, Giuliano Barsotti, Giuliano Lombardi, Laura e Linda, Licia, Marco Gemignani, Mariella, Marisa, Piernello Martelli, Massimo Della Latta, Matteo Masci, Paolo Miniussi, Morena Menchini, Francesco Dini, Paola, Rebecca Palagi, Roberto Gabrielli, Ddm Russiano Norma, Laura Sartori, Mario Spanu, Stefania Bertuccelli, Luca Guidi, Stefano Calcagnile, Stefano Pasquinucci, Pg, Barbara Guidi e l’assessore Sandra Mei.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.