Viareggio, chiude dopo ottanta anni di attività il barbiere Garbocci

La Cna consegna una targa al noto professionista andato in pensione

Chiude dopo ottanta anni di attività lo storico barbiere Garbocci di Viareggio. La Cna di Lucca lo aveva omaggiato nel novembre 2018 “per l’immensa quantità di vita sfiorata dal ritmo sapiente delle sue forbici in questi straordinari ottanta anni di attività”.  Adesso l’associazione saluta la chiusura del negozio con una vena di malinconia. Giancarlo Garbocci, barbiere nato nei primi del novecento, noto in tutta la città per l’attività che portava avanti da oltre ottanta anni è andato in pensione. Il negozio di barbiere a due passi dal Comune ha così tirato giù la saracinesca per l’ultima volta da qualche settimana.

“Siamo orgogliosi di poter omaggiare un professionista come Giancarlo, un artigiano come non ce ne sono più”, ha detto Valter Alberici a nome del Comune, valorizzandone l’attività. “Viareggio e il mondo sono totalmente cambiati. Non esiste più niente di quel passato lontano. Da qui si vedeva la vecchia Viareggio – aveva raccontato Giancarlo durante la consegna della targa – lì la povertà la faceva da padrona. Di buono c’erano le persone, le relazioni. Si veniva dal barbiere anche per stare insieme, fare due chiacchiere, il tempo aveva una dimensione diversa. Ora hanno tutti fretta”.

“Un grande abbraccio a Giancarlo e un augurio di un meritatissimo riposo dopo questa lunghissima attività professionale. Cna è orgogliosa di aver da sempre tra propri iscritti un artigiano di questo valore – ha detto il presidente Cna Andrea Giannecchini nel salutarlo -. Purtroppo nessuno porterà avanti il testimone dell’attività. I figli hanno scelto strade diverse (un è medico e l’altro professore di musica) e i tanti collaboratori si sono persi per strada negli anni”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.