Massarosa, Brocchini: “Mi hanno offerto soldi per non presentarmi in Consiglio”

L'esponente della maggioranza presenta denuncia. Il sindaco: "Sono allibito"

“Sono allibito e ancora incredulo di fronte a tanta bassezza morale, non mi aspettavo che esponenti politici del nostro comune potessero arrivare a tanto per scopi personali e politici”.

Inizia così il racconto del consigliere comunale di ‘Civica Massarosa’ Giovanni Brocchini, protagonista qualche sera di un episodio che sostiene di aver già denunciato ai carabinieri.

“Ero in auto e mi stavo recando a lavoro, quando ho ricevuto una telefonata da una persona a me conosciuta. Senza tanti giri di parole, insieme ad altri esponenti politici del comune che in quel momento si trovavano con lui, mi hanno chiaramente offerto del denaro – sette, otto mila euro– per non presentarmi al prossimo consiglio comunale e determinare in questo modo la fine dell’amministrazione Coluccini.  Sono rimasto allibito e sconcertato, come si può scendere così in basso?”.

Il racconto prosegue: “Hanno poi continuato cercando di convincermi che se avessi voluto fare ‘carriera’, sarei dovuto entrare nel loro gruppo, altrimenti restando dove sono ‘avrei bruciato’ qualsiasi possibilità di un futuro in politica. Il tutto condito da parole sprezzanti e termini scurrili. Affermazioni gravissime che ancora mi rimbombano nella testa e che vorrei le sentissero  tutti i cittadini di Massarosa: questi personaggi senza scrupoli fanno parte del nostro comune, sono stati votati, la gente ha riposto in loro fiducia dandogli addirittura un mandato politico: è bene che tutti sappiano chi sono veramente e di cosa sono capaci. Pertanto ho immediatamente sporto denuncia ai carabinieri, atti di tale gravità non possono e non devono restare impuniti”.

“Sono scioccato e incredulo di fronte a tanta abiettezza, Massarosa non ha bisogno di corrotti disonesti – afferma il sindaco di Massarosa Alberto Coluccini -. Mi schiero insieme a tutta la maggioranza a fianco del consigliere Brocchini e condanno fermamente questo gravissimo episodio, un atto ingiurioso che oscura e offende la nostra politica e la comunità tutta, dove deve invece prevalere il più alto senso di onestà e giustizia. La politica è confronto e spesso anche scontro, ma qui non si tratta di idee o schieramenti, bensì di un livello molto più alto, che comprende i valori cardine della nostra società civile: l’onestà, la correttezza, il rigore, l’integrità morale. Temiamo che questo increscioso episodio possa non essere l’unico e vogliamo assolutamente capire cosa c’è sotto, per il bene di tutta la comunità. Abbiamo purtroppo assistito ad una delle pagine più squallide della storia del nostro comune: che la giustizia adesso faccia il suo corso”.

“Era doveroso – aggiunge la lista Civica Massarosa – che i cittadini fossero messi a conoscenza di questo increscioso episodio, offensivo per la persona di Brocchini e per la comunità tutta.  Un fatto gravissimo che non poteva essere tenuto nascosto e per il quale c’è un’indagine in corso.  In quella che è diventata una vera e propria battaglia fra bene e male, fra onesti e disonesti, ognuno e soprattutto ogni forza politica ha il dovere di schierarsi senza se e senza ma da una parte o dall’altra. Altro non si può dire, c’è un’indagine riservata in corso e saranno gli organi competenti a parlare. Ma il punto adesso è: diteci voi, da che parte state?”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.