Consorzio di bonifica, la minoranza risponde: “Nessun attacco all’amministrazione”

Il gruppo: "Rivendichiamo di aver svolto solo il nostro ruolo. In Lunigiana tante problematiche ancora aperte"

“I consiglieri di maggioranza eletti in Lunigiana, parlano di ‘inqualificabile attacco alla amministrazione del Consorzio da parte della minoranza’. Una valutazione singolare visto che arriva da un territorio dove si è manifestato disagio e forte preoccupazione da parte degli imprenditori agricoli per le gravi insufficienze nel servizio irriguo che hanno avuto anche ripercussioni economiche sulle produzioni”.

Così il gruppo di minoranza del Consorzio di bonifica 1 Toscana nord dopo le accuse ricevute dalla maggioranza.

“Rivendichiamo di aver svolto il nostro ruolo di minoranza – si legge nella nota – nel chiedere con un’interrogazione al presidente gli atti e i progetti rivolti alla soluzione del grave problema dell’impianto di irrigazione e distribuzione dell’intero comprensorio Lunigianese. Quindi – commentano – nessun inqualificabile attacco all’amministrazione consortile ma un naturale e democratico confronto sui problemi ancora aperti”.

“Per quanto riguarda i rilievi mossici sul voto contrario alla contrazioni di mutuo –  spiega la minoranza – è stato il voto sul bilancio di previsione 2020, dove all’interno del provvedimento complessivo era previsto la contrazione di mutuo. Non si è trattato quindi di un voto contrario alla contrazione di un mutuo specifico ma di un voto negativo della minoranza sulla proposta di bilancio di previsione 2020, proposto dalla maggioranza, posizione debitamente motivata in assemblea dai rappresentanti il gruppo di minoranza”.

“Ricordiamo – scrive il gruppo di minoranza – che il bilancio 2020 è stato approvato nel dicembre 2019 con l’augurio che l’amministrazione contraesse il mutuo previsto di 300mila euro per eseguire i necessari lavori sull’acquedotto. Infine – concludono – accogliamo l’appello del consiglieri di maggioranza al coinvolgimento delle istituzioni tutte per reperire le ingenti risorse economiche necessarie. Risorse per una definitiva risoluzione del grave problema irriguo nell’intera valle della Lunigiana. L’iniziativa ci trova perfettamente d’accordo, siamo pronti a dare il nostro contributo”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.