Doppio appuntamento in Versiliana con l’attrice Monica Guerritore

La celebre artista sarà protagonista di un incontro al Caffè de La Versiliana e di uno spettacolo teatrale

In Versiliana questa settimana ci sarà la grande attrice Monica Guerritore, ospite di due distinti appuntamenti che la Fondazione ha messo in programma con l’intento di dar ancor più forza e voce alle nuove istanze del mondo teatrale.

È stata tra le prime personalità pubbliche a lanciare un grido di allarme per il comparto dello spettacolo dal vivo e sarà protagonista domani (6 agosto) alle 18,30 dell’incontro al Caffè de La Versiliana, condotto da Claudio Sottili. L’incontro sarà l’occasione per l’attrice di rincontrare il suo pubblico e i tanti amici che ha in Versilia e che ogni anno qui incontra anche da spettatrice del festival, ma anche quella di raccontarsi e parlare del suo nuovo spettacolo Dall’inferno all’infinito.

Nell’incontro con Monica Guerritore si parlerà sia di teatro sia di letteratura, ma soprattutto del ruolo della politica e della tv di Stato a sostegno del mondo della cultura. L’attrice è stata infatti tra gli artisti che il Premier Conte ha invitato agli Stati Generali sulla cultura in cui ha lanciato alcune proposte per il rilancio del settore che per primo ha subito gli effetti delle restrizioni e che tutt’oggi risente di molte penalizzazioni che in molti casi scoraggiano l’organizzazione di spettacoli.

Dopo l’incontro al Caffè, Monica Guerritore sarà di nuovo protagonista al Festival della Versiliana sabato (9 agosto) alle 21,30 quando porterà in scena il suo nuovo spettacolo Dall’Inferno all’Infinito, un viaggio alla ricerca del nostro infinito passando attraverso i testi di Dante, Flaubert, Leopardi, fino a Pasolini Proust, Cesare Pavese ed Elsa Morante.

“Nella mia intenzione c’è il desiderio forte di sradicare parole, testi, versi altissimi dalla loro collocazione “conosciuta” – , Cesare Pavese – spiega Monica Guerritore nelle note dello spettacolo – per restituirgli un “senso” originario e potente. Le parole di Dante, tolte dal canto e dalla storia, ci conducono all’interno delle zone più dense, oscure e magnifiche dell’animo umano. Seguendo un percorso di incontro con le sue figure di riferimento (Virgilio, il suo super-Io, Beatrice/Francesca e gli aspetti del Femminile, il Caos dell’Inferno, Ugolino, il Padre) si può avvicinare intimamente l’ispirazione originale di Dante nell’affrontare la Divina Commedia. Senza paura dei tagli e senza paura di proseguire quel racconto con parole, e testi altissimi di altri autori, più vicini a noi, come Morante, Pasolini, Valduga”.

“Come altri miei spettacoli – conclude – e penso a Giovanna D’Arco, non ho mai messo in scena lavori “finiti”. Forse per rispetto, per timore, la mia intuizione vivida e precisa da subito ha avuto bisogno di praticare dal di dentro il lavoro per poterlo poi, nel tempo, nelle repliche, nel pensiero su di esso modificarlo, impastarlo, sformarlo fino a renderlo simile se non uguale alla mia intuizione originaria.”

L’incontro al Caffè de La Versiliana sarà come sempre a ingresso libero, mentre per lo spettacolo Dall’Inferno all’Infinito i biglietti sono in vendita alla biglietteria della Versiliana e sul circuito Ticketone (informazioni 0584.265757 e www.versilianafestival.it ). Sempre sul sito è possibile scaricare il programma completo degli eventi che si svolgeranno.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.