Vertenza Perini Navi, Fiom Cgil: “Giani ci ha garantito il suo sostegno”

Oggi (12 agosto) il primo incontro istituzionale tra le organizzazioni sindacali e il presidente del consiglio regionale

Primo incontro istituzionale tra Fiom Cgil e Rsu Perini navi Viareggio con il presidente del consiglio regionale della Toscana, Eugenio Giani. È avvenuto nel primo pomeriggio di oggi (12 agosto) dopo la partecipazione del rappresentante delle istituzioni alla commemorazione per l’eccidio di Sant’Anna di Stazzema.

“È stato il primo incontro istituzionale che come sindacato abbiamo avuto sulla vertenza, ne abbiamo apprezzato la disponibilità e l’attenzione a conoscere nel dettaglio la situazione che si è venuta a creare – commentano Fiom Cgil e Rsu Perini -. Giani ha confermato il suo impegno a nome della Regione Toscana affinché la famiglia Tabacchi proprietaria dell’azienda sia convocata quanto prima per chiarire le proprie volontà sul futuro di Perini Navi. Vanno considerate di grande interesse le proposte già formalizzate pubblicamente dal punto di vista industriale dal Cantiere San Lorenzo tese a garantire il futuro dell’azienda e la sua rimessa in efficienza”.

“Abbiamo voluto ribadire la nostra insoddisfazione nella gestione delle concessioni demaniali da parte dell’autorità portuale, Regione e Comune, circa i frazionamenti delle stessi e abbiamo raccolto la sua disponibilità a rivederne il funzionamento degli affidamenti – concludono le sigle sindacali -. Su questa materia, le concessioni demaniali, sia la Regione sia il Comune dovrebbero fare molto di più e riprendere il ruolo che la legge gli assegna senza rinunciarvi come è accaduto negli ultimi 4 anni. Nei prossimi giorni è auspicabile che emergano degli sviluppi che ci auguriamo possano ridare la serenità necessaria alle molte famiglie dei dipendenti e degli appalti che lavorano per conto della Perini Navi, che altrimenti rischia seriamente il fallimento”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.