Fondi Ue per il rilancio, la Versilia indica le priorità

Investimenti strategici per il rilancio della Versilia: Sottoscritto un documento firmato da tutti gli esponenti politici del Partito Democratico della Versilia con lo scopo di indicare priorità per i fondi Ue ottenuti dal governo per l’emergenza coronavirus.

“Nasce su iniziativa del candidato Pd al Consiglio regionale, Simone Leo, l’idea di condividere con tutti gli amministratori della Versilia appartenenti e sostenuti dal Partito Democratico, un documento che individui investimenti strategici su cui investire eventuali risorse – si legge nella nota -. Le elezioni regionali che si terranno nei giorni 20 e 21 settembre sono una grande occasione per la Versilia. Grazie ad ingenti somme provenienti da risorse europee, la Toscana, nei prossimi anni potrà contare su 10 miliardi di euro provenienti dal Recovery fund e 2 miliardi di euro dal Mes”.

“Da parte di tutti i sindaci e gli amministratori presenti è stata sottolineata l’esigenza di veder rappresentata la Versilia, in modo autorevole, all’interno della nuova compagine di governo della Toscana. Per poterlo fare e per raccogliere tale opportunità, l’unità del nostro territorio sarà fondamentale – prosegue la nota – I 2 miliardi del Mes possono essere utilizzati per potenziare l’Ospedale Versilia, rafforzare la rete dei servizi territoriali, dare nuova centralità alle politiche di prevenzione della domanda di salute”.

“I 10 miliardi di euro del Recovery fund potranno essere utilizzati per eliminare i fattori di inquinamento presenti nel mare dalle foci; dare una risposta strutturale al problema dell’insabbiamento del porto di Viareggio e, al tempo stesso, spostare la sabbia a nord dove si evidenziano fenomeni di erosione; assicurare la qualità delle acque del lago di Massaciuccoli e riqualificare le sue sponde; demolire l’impianto di Falascaia, chiudere la discarica di Cava Fornace, intervenire sulle fonti di inquinamento da tallio nella zona di Valdicastello; accorciare le distanze tra centro e costa, attraverso l’alta velocità ferroviaria, accorciare le distanze tra i centri urbani e le zone collinari e montane investendo sul trasporto pubblico locale e sulla mobilità ciclabile; investire sul recupero e il riciclo dei rifiuti per sviluppare un’economia circolare, sulle tecnologie e i processi produttivi che riducono gli scarti della produzione e l’impatto delle attività dell’uomo sull’ambiente; investire nelle reti digitali; investire nelle zone collinari e montane sul servizio idrico-integrato e sulla messa in sicurezza del territorio, anche attraverso una costante opera di manutenzione; mettere in sicurezza e riqualificare, sotto il profilo energetico, gli edifici e le strutture pubblici”.

Il documento, è stato sottoscritto dai sindaci di Camaiore, Alessandro Del Dotto, di Seravezza, Riccardo Tarabella, Stazzema, Maurizio Verona e Viareggio Giorgio del Ghingaro.
A sottoscriverlo anche i capigruppo del PD di Massarosa, Damasco Rosi, Pietrasanta, Ettore Neri e Viareggio, Andrea Strambi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.