Quantcast

Del Ghingaro: “In cinque anni risanato il Comune di Viareggio”

Il candidato sindaco fa il bilancio del mandato: "Il cambiamento continuerà"

“Il cambiamento continua”. Così il sindaco uscente e ricandidato alle elezioni amministrative di Viareggio Giorgio Del Ghingaro coglie l’occasione per fare il bilancio dei cinque anni trascorsi e iniziati proprio sotto lo slogan “sicuri si cambia”.

“Molti si sono dimenticati da dove siamo partiti nel 2015: un dissesto enorme che contava 250 milioni di buco, un comune imbrigliato in mille vincoli normativi che lo stato di deficit porta con sé, molte partecipate sull’orlo del fallimento, altre di fatto già fallite, alcune in liquidazione, una fondazione commissariata. Insomma un disastro amministrativo senza precedenti – ricorda Del Ghingaro -. Noi ci siamo rimboccati le maniche e una cosa alla volta, con metodo, pazienza e competenza abbiamo riordinato tutto, fatto pulizia, rimesso in strada la macchina sbandata, dato una direzione certa a chi aveva perso la rotta. Siamo usciti dallo stato di dissesto, abbiamo sistemato le partecipate, rimesso in sesto le fondazioni, abbiamo voluto dare una guida certa ed una regia unica, tutti i posti di lavoro sono stati mantenuti. All’inizio è stato difficile e complesso, non c’erano soldi nemmeno per comprare una penna, ora siamo più sereni, abbiamo 30 milioni nostri in cassa del comune e tutte le partecipate con i conti in ordine”.

“All’inizio non potevamo fare i lavori, non potevamo erogare i servizi, mano a mano abbiamo ricominciato a programmare, organizzare e soprattutto a fare – va avanti Del Ghingaro -. Oggi siamo un comune normale, che può guardare con serenità al proprio futuro, abbiamo fatto tanti interventi e tanti altri sono in programma, ci siamo perfino permessi di dare una mano ai cittadini e alle imprese in questo periodo di covid con 4 milioni di agevolazioni erogate in varie forme. Insomma guardiamo avanti con ottimismo ma non dimentichiamo da dove siamo partiti, altrimenti faremmo un torto a noi stessi e alla fatica che abbiamo fatto per rimettere a posto una città. Ci presentammo cinque anni fa con lo slogan ‘sicuri si cambia’ abbiamo mantenuto la promessa: abbiamo cambiato la superficialità con l’accuratezza e la precisione, la sciatteria con l’ordine e il rispetto delle regole, il buco nero dei debiti con la sicurezza dei conti e la solidità patrimoniale. Abbiamo cambiato una città e una comunità, ma tanto c’è ancora da fare, ecco perché con la vostra fiducia il cambiamento continua“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.