Viareggio, Baldini ammette la sconfitta: “Non siamo riusciti a far crescere i consensi”

Il candidato Lega non passa in Consiglio a Firenze: "In Regione io primo dei non eletti della Provincia di Lucca con 3500 preferenze"

“Purtroppo l’esito della competizione elettorale viareggina non è stata favorevole al centrodestra ed alla nostra candidata a sindaco Barbara Paci“. Massimiliano Baldini ammette la sconfitta dopo la vittoria del sindaco Giorgio Del Ghingaro.

“Malgrado l’impegno di tutti ed in particolare della Lega che sul territorio ha profuso energie e presenze nazionali in quantità – scrive Baldini – non siamo riusciti ad allargare il perimetro del centrodestra che anzi ha scontato una evidente contrazione elettorale fra dato regionale e dato comunale”.

“Evidentemente – spiega – seppur da noi in alcun modo condiviso, l’elettorato ha inteso premiare il sindaco uscente riconfermandolo, addirittura sin dal primo turno. Già nei prossimi giorni ci riuniremo in sede per svolgere una attenta valutazione del quadro politico che si è venuto a delineare, analizzandone serenamente ogni implicazione. In attesa di conoscere la composizione del nuovo Gruppo consiliare della Lega al quale invio sin da ora gli auguri di un proficuo lavoro – scrive l’esponente della Lega – non possiamo che confermare gli impegni tradizionali che stanno a cuore al partito di Matteo Salvini”.

“Infine, per quanto riguarda la mia candidatura al Consiglio regionale – conclude Baldini – pur non soddisfatto rispetto alle aspettative, alla luce dei fatti, debbo considerare il secondo posto, primo dei non eletti in Provincia di Lucca con 3500 preferenze, il massimo possibile se paragonato all’eccezionale risultato di Elisa Montemagni che ha raccolto ben 12mila preferenze, di gran lunga miglior dato in tutta la Regione Toscana”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.