Al museo archeologico di Massaciuccoli la storia dell’arte spiegata al cellulare

Una due giorni curata dal professor Alberto Magnolfi

St’Art Phone, l’archelogia del futuro. L’evento, di cultura, è in programma sabato 24 e domenica (25 ottobre) al museo archeologico di Massaciuccoli. 

La due giorni è curata dal professor Alberto Magnolfi e realizzata in collaborazione con il Gam, Gruppo Archeologico Massarosa ed il patrocinio del Comune di Massarosa.

La storia dell’arte spiegata al cellulare, questa l’idea di Magnolfi. Con lui ci saranno Ilaria Cardelli, Luca De Gaetani e altri protagonisti dello Spazio Superfluo, progetto artistico in cui i reperti di un lontano futuro ritornano sotto forma di tecnologia passata, rimodellata come materia prima.

Quali capolavori avrebbero realizzato i grandi artisti del passato se, al posto di tele e colori ad olio, avessero avuto a disposizione l’attuale tecnologia? Questa ed altre domande troveranno risposta nella due giorni al museo archeologico.

“Museo aperto in questo weekend, nel pieno rispetto delle norme anti-covid – spiega l’assessore alla cultura Michela Dell’Innocenti – un evento culturale capace di legare l’arte del passato a quella del futuro grazie all’originale idea del prof. Magnolfi che apre una finestra interessantissima sull’arte contemporanea. Vi aspettiamo a Massaciuccoli sabato e domenica”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.