“Basta morti sul lavoro”, 8 ore di sciopero per l’operaio deceduto in cava a Levigliani

La Fillea Cgil: "Gli operai vogliono lavorare per vivere ma non si può morire di lavoro"

Otto ore di sciopero domani per l’operaio morto sul lavoro in cava a Stazzema. Lo ha indetto la Fillea Cgil Toscana. “Inaccettabile, in Toscana, 4 incidenti in due giorni: bisogna fare di più per combattere questa piaga e faccio appello a imprese, enti di controllo e istituzioni”, afferma la segretaria generale di Fillea Cgil Toscana Giulia Bartoli

L’incidente mortale sul lavoro,  è avvenuto oggi pomeriggio in una cava a Levigliani, sopra Stazzema. A perdere la vita è stato un operaio che è rimasto schiacciato da un mezzo durante una operazione in una galleria. Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil di Lucca e Massa Carrara, per dire “basta alle morti sul lavoro”, hanno proclamato uno sciopero di otto ore per domani.

“Ieri tre operai feriti sul lavoro tra Firenze e provincia, oggi un incidente mortale nel lucchese: è uno stillicidio soprattutto nei nostri settori, anche in Toscana bisogna fare di più per combattere la piaga degli incidenti sul lavoro, così non si può andare avanti, è inaccettabile. Occorre senso di responsabilità da parte delle imprese e occorrono più controlli da parte degli enti preposti. Invitiamo anche le istituzioni e la nuova giunta della Regione Toscana ad affrontare il problema”, dice la segretaria generale di Fillea Cgil Toscana Giulia Bartoli. Aggiunge Alessia Gambassi (segretaria generale Fillea Cgil Lucca), sul lavoratore che ha perso la vita oggi: “Troppi impegni, troppe promesse, troppe parole. Gli operai vogliono lavorare per vivere ma non si può morire di lavoro. Ci stringiamo attorno alla famiglia del lavoratore”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.