Alessandro Santini (Lega): “Mario Monicelli dimenticato dal sindaco e dall’assessore alla cultura”

Il consigliere leghista di Viareggio: "Non dite che ci sono problemi più importanti, non tiriamo sempre fuori la solita scusa della pandemia"

“Mario Monicelli dimenticato”.

Lo denuncia il consigliere comunale della Lega  di Viareggio Alessandro Santini.

“Non dite che ci sono problemi più importanti, non tiriamo sempre fuori la solita scusa della pandemia, non inventate scuse banali e non arrampicatevi sugli specchi: vi siete dimenticati di Mario Monicelli, punto e basta.
Vi siete dimenticati di commemorare il grande regista italiano, viareggino di adozione, che amava tanto la nostra città da inventarsi pure di essere nato qui. E solo per questo meriterebbe un monumento – commenta il politico del Carroccio – . Non cercate di mettere una pezza sull’errore inventando che lo volevate festeggiare durante un consiglio comunale o in una cerimonia apposita: niente di tutto questo, ve ne siete solo dimenticati”.

“L’anniversario della morte di Mario Monicelli è il 29 novembre, e non il 30 o il 1 dicembre – prosegue Santini
Di conseguenza le commemorazioni si fanno solo ed unicamente nel giorno consono e non quando vi pare.
Male che vada, bastava far pubblicare sui giornali un articolo di ricordo da parte del sindaco o dell’assessore alla cultura.Il 29 novembre era anche l’anniversario della morte del Maestro Puccini: finito in cantina anche lui”.

“Ma sapete oggi, con la scusa del Covid, si trova una giustificazione a tutto: anche per dimenticare il Sor Giacomo e il Maestro Mario: ma che volete voi stare a ricordare, ci sono cose ben più importanti!. E no miei cari, no davvero! – conclude il consigliere leghista – Se oggi siete ad amministrare una città importante come Viareggio, è anche grazie a chi l’ha fatta grande e che di sicuro non si merita l’oblio di amministratori un po’ troppo sbadati come voi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.